La sonnambula conquista il Verdi

Dopo quasi una decina d’anni dall’ultima messinscena triestina, ritorna al Teatro Verdi “La sonnambula” di Vincenzo Bellini, il penultimo appuntamento del cartellone della Lirica 2016-2017, che ha debuttato venerdì 5 maggio sotto la direzione di Guillermo García Calvo. In scena è andato l’allestimento della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, per la regia di Giorgio Barberio Corsetti, con scene e costumi di Cristian Taraborrelli e disegno delle luci a cura di Marco Giusti.

Una messa in scena che rimarca l’aspetto fiabesco del libretto di Felice Romani, con un palcoscenico organizzato in due tipologie di ‘fuori scala’, una gigante e una miniaturizzata, destinate ad un bambino che vede enormi gli oggetti della realtà quotidiana circostante e piccoli quelli del suo spazio ludico. Una ‘casa di bambola’, che rappresenta il luogo delle fiabe e dell’infanzia, che Amina riesce ad abbandonare con un rito di passaggio verso l’età adulta.

Eccellente la prova di Aleksandra Kubas-Kruk, che ritorna a Trieste dopo il debutto sul palcoscenico del Verdi come Gilda nel Rigoletto dello scorso novembre, che ha sfoggiato limpidezza e precisione di canto. Buono l’Elvino di Bogdan Mihai, giovane tenore di origine rumena, anch’egli al suo esordio a Trieste, così come è stato centrato nel ruolo del Conte Rodolfo Filippo Polinelli, tra i protagonisti della scorsa stagione. Ben risolti anche i ruoli di fianco con Olga Dyadiv (Lisa), Marc Pujol (Alessio), Namiko Kishi (Teresa), Motoharu Takei (il notaio).

Splendida l’Orchestra della Fondazione, diretta da Calvo, e ben preparato il coro della Fondazione, quest’ultimo guidato come sempre da Francesca Tosi. Pieno il teatro e molto calorosi gli applausi.

Commenti Facebook
By | 2017-05-09T12:45:51+00:00 06/05/2017|Categories: Teatro|Tags: , , , , |Commenti disabilitati su La sonnambula conquista il Verdi

About the Author:

Alice Marongiu
Laureata in Ingegneria Meccanica all'Università degli Studi di Cagliari. Attualmente iscritta alla Laurea Magistrale di Ingegneria Meccanica dell'Università degli Studi di Trieste. Ho studiato Flauto Traverso al Conservatorio di Cagliari e sono un'appassionata di Musica Classica, Opera, Arte e Motori.