La Triestina non va oltre il pari con la Sacilese, il Rocco non ci sta

Nessuno si aspettava una passeggiata o una comoda risalita verso le zone nobili del calcio italiano. Quello che stanno vivendo i tifosi della Triestina, tuttavia, non è nemmeno una faticosa scalata di montagna ma somiglia piuttosto alla pericolosa camminata dell’equilibrista sulla fune, sospeso a decine di metri di altezza, in costante affanno alla ricerca dell’equilibrio. Di capitomboli, sinora, i giuliani ne hanno fatti parecchi e se per qualcuno quello di oggi non si può considerare tale, altrettanto non vale per un’altra buona parte del tifo alabardato, che ha perso la pazienza verso l’intero staff tecnico e dirigenziale dell’Unione. Sul campo, la Triestina ha impattato sul punteggio di 1-1 con una Sacilese in buono stato di forma (14 punti e 4° posto), mentre sugli spalti la curva Furlan ha inscenato 45 minuti di sciopero (gol triestino compreso) e ha fischiato gli uomini di Rossitto al termine dell’incontro.

Denis Godeas, nella foto con la maglia alabardata di diversi anni fa, si è visto respingere la conclusione del 2-1

Denis Godeas, nella foto con la maglia alabardata di diversi anni fa, si è visto respingere la conclusione del 2-1

LA PARTITA – Eppure la partenza della Triestina è delle migliori. Al primo pallone buono, infatti, quando il cronometro segna il 2′, Sessolo raccoglie al limite dell’area, elude l’intervento del marcatore e infila in rete con un rasoterra preciso. L’immediato vantaggio dei giuliani è complice, forse, del prematuro arretramento del baricentro alabardato, che permette agli ospiti di inscenare un lungo forcing in area triestina. La prima grande occasione per la Sacilese capita a Fabbro al 6′, la cui conclusione trova un Del Mestre bravo a mettere in corner. L’attaccante del team allenato da Mauro Zironelli ci riprova al 28′, non inquadrando però lo specchio della porta. La ripresa si riapre ancora con l’assalto ospite, sebbene la Triestina metta di tanto in tanto la testa fuori dalla propria metà-campo grazie ad alcuni contropiedi non sempre sfruttati al meglio. La prima palla-gol della seconda frazione, ad ogni modo, è sempre di marca ospite: Del Mestre smanaccia un insidioso tentativo che, dopo aver galleggiato lunga la linea di porta, viene faticosamente respinto dalla difesa alabardata. Le ripartenze dell’Unione sono sterili e, proprio su un contropiede sprecato malamente dai giuliani, arriva il pareggio della Sacilese. A beneficiare dell’ottima trama ospite è Beccia, il quale raccoglie un cross dalla destra e batte imparabilmente il numero uno di casa. Lo sconforto assale il Rocco ma, inaspettatamente, al 74′ la Triestina ha la palla buona per riportarsi avanti. La transizione offensiva dell’Unione è, in quest’occasione, ben orchestrata, Godeas riceve a tu per tu con Bazzichetto, ma l’estremo ospite si supera deviando la botta a colpo sicuro del bomber triestino. L’assalto finale della Sacilese non cambia il risultato, che non accontenta un’importante porzione del pubblico di casa, il quale fischia l’uscita dal campo della squadra.

Il punto conquistato quest’oggi permette alla Triestina di salire a quota 8, al 13° posto in coabitazione con la Sanvitese. Nel prossimo turno, la Triestina sarà ospitata da La Fenadora, compagine ferma al terzultimo posto della graduatoria di Serie D con 5 punti. L’occasione sembra delle migliori per i giuliani per raggiungere la prima vittoria in trasferta della stagione, ma l’obiettivo è realizzabile a patto di mostrato un temperamento e un cinismo diversi, e ripartendo dalla prestazione di oggi, la quale, seppure abbia messo in mostra alcuni limiti dell’Unione, ha mostrato una squadra più ordinata del solito in entrambe la fasi.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:12:08+00:00 20/10/2013|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author: