La Triestina “riconquista” il Rocco: Sessolo e Wagner stendono l’Ufm

Non sarà una rondine a fare primavera, ma il primo volo della Triestina allenata da Fabio Rossitto ha messo in risalto come alcune cose siano già cambiate. Nella sfida all’Ufm, la formazione alabardata ha mostrato una solida corazza difensiva, il cinismo tipico delle squadre affamate di punti e alcune trame degne di nota, tanto da guadagnare, a distanza di diverso tempo, gli applausi convinti dell’intero Nereo Rocco. All’iniziale vantaggio giuliano firmato Sessolo, gli ospiti del Monfalcone hanno prontamente risposto con la rete di Raffa, resa vana tuttavia, nella ripresa, dal raddoppio di uno scatenato Wagner. La bestia nera delle ultime due stagioni dell’Unione ha così dovuto cedere a una Triestina finalmente tonica e vivace, la quale, sebbene la strada sia ancora lunga, può guardare all’avvenire con rinnovata fiducia.

Fabio Rossito ha conquistato i tre punti alla prima sulla panchina della Triestina

Fabio Rossito ha conquistato i tre punti alla prima sulla panchina della Triestina

LA PARTITA – Oltre al lavoro tattico, buona parte dell’impegno del neo tecnico alabardato Rossitto si è evidentemente concentrato sull’aspetto mentale che, per certi versi, aveva trasformato lo stadio di casa in un fattore penalizzante per Monti e compagni, schiacciati forse dal peso delle aspettative di un ambiente abituato a ben altri palcoscenici. Così, la Triestina scende in campo con gli “occhi della tigre”, passando in vantaggio già al 2′ di gioco. Wagner inventa il lungo passaggio che pesca Da Ros lanciato a rete: sul tiro dell’avanti giuliano, respinto dal numero ospite, piomba come un falco Massimiliano Sessolo che ribadisce in rete la palla dell’1-0. La gioia dei tifosi di casa, tuttavia, dura il tempo di un sospiro poiché al 10′ il punteggio torna in equilibrio. Lestani calcia velenosamente un corner dentro l’area, Franceschin respinge di pugno ma la sfera termine sul piede di Raffa, che dal limite pesca il jolly che vale l’1-1. I monfalconesi, sulle ali dell’entusiasmo derivato dalla marcatura, premono sull’acceleratore e sfiorano il vantaggio con Araboni al 20′ e Martincigh al 40′, attento Franceschin in entrambe le occasioni. Nel mezzo, i tentativi di Godeas, che prima sfiora la realizzazione con due colpi di testa e poi offre a Pratolino un’invitante pallone che termina però sull’esterno della rete. La notizia è che l’Unione, come si suol dire, barcolla ma non molla. Gli alabardati soffrono, Martincigh sfiora il palo al 74′, ma ribattono colpo su colpo, e il tentativo del 75′ è quello vincente. Wagner si assume la responsabilità di calciare la punizione da lunga distanza e dà un saggio delle sue doti balistiche infilando la palla dove l’estremo ospite non può arrivare. Nell’ultimo quarto d’ora la tattica lascia spazio all’impeto e alla passione, il Monfalcone si spinge in avanti, Godeas sfiora il terzo gol alabardato, ma, ciò che più conta, la Triestina regge l’urto e al triplice fischio finale l’urlo del Rocco certifica i primi tre punti dell’Unione di mister Rossitto.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:12:16+00:00 06/10/2013|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author: