La Triestina saluta il Rocco con una sconfitta

Di fronte al generoso pubblico di casa, l’Unione è costretta ad alzare bandiera bianca al cospetto del Fontanafredda, capace di imporsi per 1-0 sulla truppa di Mister Gagliardi e conquistare la salvezza matematica per la permanenza in Serie D.

Gagliardi opta per il 4-3-3 che ha contraddistinto la Triestina nelle ultime giornate. La vera rivoluzione nello scacchiere tattico vede Arvia occupare la posizione di terzino a sinistra, mentre Piscopo, Giannetti e Crosato completano la difesa. A centrocampo Spadari, Bedin e Proia hanno il compito di sostenere il peso del tridente offensivo, composto da Manzo, Rocco e Gusella. Il Fontanafredda apre le ostilità con Gargiulo, che spreca malamente un assist di Florean dalla sinistra. La risposta dell’Unione non tarda ad arrivare, ma a negar la gioia a Proia è il palo. Al 39′, Gargiulo è puntuale all’appuntamento con il gol. Il cross del solito Florean è preciso e l’attaccante friulano spedisce in rete la sfera, gettando i tifosi del Rocco nello sconforto. Nella ripresa il Fontanafredda prova a siglare subito la rete della sicurezza, ma Di Piero e la retroguardia giuliana controllano con attenzione le folate offensive di Gargiulo e Nastri. Al 13′, Onnivello si supera con una parata miracolosa, che disinnesca la botta dalla distanza di Proia. A pochi minuti dalla fine, l’Unione rimane in dieci per l’espulsione di Piscopo e con l’inferiorità numerica anche le speranze di rimonta si spengono lentamente.

Alla Triestina non rimane che raccogliere le rimanenti forze e strappare i tre punti nell’ultima trasferta della regular season, che vedrà gli alabardati sfidare il Legnago Salus, squadra che non ha più nulla da chiedere al campionato.

Davide Cavalca e Simone Zompicchiatti

Commenti Facebook
By | 2015-05-07T10:51:44+00:00 07/05/2015|Categories: Magazine, Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Studente di Scienze della comunicazione, 24 anni, preparatore dei portieri del San Vito al Torre e istruttore di scuola calcio CONI FIGC. Ho un passato da articolista e editorialista per TuttoUdinese.it. Ritengo che lo sport sia fatto di passioni e emozioni che vale sempre la pena raccontare.