La tutela contro le discriminazioni in una conferenza all’units

Discriminazioni e tutela: saranno questi gli argomenti della conferenza che si terrà mercoledì 16 dicembre a partire dalle ore 15, nell’aula 1A dell’edificio H3 dell’Units. Protagonista dell’incontro sarà il dott. Walter Citti, garante regionale per i diritti delle persone a rischio di discriminazione. Laureato in Scienze politiche presso l’Università degli Studi di Trieste, è stato consulente legale in materia di immigrazione, asilo e diritto antidiscriminatorio per l’A.S.G.I. (Associazione per gli Studi Giuridici sull’immigrazione) e dal 2011 referente dell’UNAR (Ufficio nazionale anti-discriminazioni razziali) per la realizzazione nel territorio del Friuli Venezia Giulia di un progetto di costituzione delle Reti territoriali anti-discriminazione. Precedentemente, nei primi anni duemila, aveva svolto l’incarico di consulente legale per il Dipartimento di Giustizia nella Missione delle Nazioni Unite in Kosovo.

Tra gli incarichi affidati al garante per i diritti delle persone a rischio di discriminazione – come si può leggere dalla pagina dedicata sul sito del Consiglio regionale del Fvg – c’è quello di accogliere segnalazioni di presunte discriminazioni, promuovere iniziative che contrastino i comportamenti discriminatori e favoriscano le pari opportunità, e agevolare la collaborazione tra servizi sociali, servizi territoriali e associazioni di volontariato. E proprio queste attività – come si intuisce dal titolo della conferenza La tutela contro le discriminazioni e il ruolo dell’autorità di garanzia – saranno al centro dell’incontro di mercoledì, promosso dal Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, e organizzato dai docenti Serena Baldin e Andrea Crismani.

Commenti Facebook
By | 2015-12-16T10:46:57+00:00 15/12/2015|Categories: Magazine|Tags: , , |Commenti disabilitati su La tutela contro le discriminazioni in una conferenza all’units

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.