L’Angelico Biella domina il PalaTrieste

Coach Dalmasson schiera in campo Tonut, Harris, Ruzzier, Diliegro e Carra. Risponde Biella con Raspino, Laganà, Infante, De Vico e Hollis.
Dopo la sconfitta esterna con Jesi, Trieste scende sul parquet casalingo faticando in avvio di partita con Biella che nei primi tre minuti e mezzo di gara domina in attacco e difende senza permettere grandi spiragli ai bianco-rossi. Ruzzier e Diliegro aprono le file di casa avvicnandosi agli avversari che a metà del primo quarto distanziano i padoni di casa 05 a 11. Niente da fare per Trieste, un pò sfortunata, un pò non riesce a costruire il gioco, e Biella macina il vantaggio, 09 a 19 a due minuti dalla fine dal quarto e Dalmasson sostituisce Carra con Mastrangelo.

All’avvio delsecondo quarto, dopo che il primo è terminato in vantaggio per gli ospiti 14 a 23, non cambia la situazione sul parquet del PalaTrieste. Trieste non riesce ad attaccare e difendere e Biella, riesce ad aumentare il distacco senza garndi difficoltà, Dalmasson dà spazio ad Urbani e Candussi ma le giocate di Voskull e compagni permettono al tabellone di segnare 15 a 30. Doppio fallo di Candussi e Trieste rimette in campo Diliegro che con Harri tenta di raccogliere qualche punto (22-38) prima del ritorno in gioco di Ruzzier. Nulla da fare per Trieste, Diliegro prova a raccogliere punti ma i tanti errori in difesa permettono a Biella di firmare il 26 a 48 a meno di un minuto dalla fine del quarto.

Dopo il quarto d’ora di pausa lunga, Trieste rientra in campo per stravolgere le sorti dell’incontro, ma le triple e il gioco dei giovani di Biella annientano ogni tantativo di Harris e Diliegro in attacco (39-61). Michele Ruzzier riesce ad accorciare le distanze, a tre mintui dalla fine del quarto Biella comanda di 18 punti (45-63). Mastrangelo trova la tripla ma Voskul ci mette subito una pezza (48-65). TRieste prova a metterci l’orgoglio e con una tripla del giovane Tonut, classe ’93, la distanza si accorcia di 13 punti (53-66).

L’ultimo quarto, quello decisivo, è segnato dlla rabbia dei giocatori, Tonut stoppa sotto canestro Lombardi, tripla di Mastrangelo e Carra ritrova il canestro (59-72). Passi in Infante sotto canestro ma la terna arbitrale non li fischia e Biella riesce a mantenere le distanze (59-74). A metà del quarto, con un distacco punti di undici lunghezze per gli avversari, Dalmasson tenta il tutto per tutto e schiera in campo Harris, Diliegro, Ruzzier, Mastrangelo e Tonut (63-74). Spera negli ultimi minuti il pubblico del palatrieste, due liberi di Harris e le distanze si accorciano di nove lunghezze ma Raspino riprende in mano le sorti di Biella e a due minuti dalla fine gli avversari hanno la vittoria in tasca 65 a 78 con Trieste che paga gli errori dei primi tre quarti.

PALLACANESTRO TRIESTE 2004 – ANGELICO BIELLA 69-78 (14-23); (28-50); (53-68).
TRIESTE: Hoover n.e, Fossati 0, Tonut 17, Harris 12, Mastrangelo 8, Ruzzier 9, Diliegro 17, Candussi 3, Carra 2, Urbani 1. All Dalmasson
BIELLA: Murta n.e, Chillo 7, Raspino 14, Laganà 10, Infante 4, Lombardi 6, Berti 4, Voskuil 21, De Vico 0, Hollis 12, All Corbani
Arbitri: Boninsegna, Pisoni, Yang Yao.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:12:06+00:00 31/10/2013|Categories: Sport|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.