Le cinque cose da non perdere a Fumetti per Gioco

Ritorna anche quest’anno a Trieste Fumetti per gioco, festival del gioco, del cosplay, del fumetto e, per non farsi mancare nulla, della musica giovane. La sesta edizione della manifestazione si svolgerà al PalaChiarbola sabato 21 e domenica 22 novembre. Tra i numerosi ospiti e appuntamenti, noi ve ne segnaliamo qualcuno. Sperando di non incorrere – per parole e omissioni – nella furia nerd.

1. Trieste Rosso Sangue
Apriamo questa breve rassegna con una produzione tutta locale. Trieste Rosso Sangue è un fumetto bimestrale fantasy/horror ambientato principalmente a Trieste e dintorni, e prodotto da una casa editrice delle nostre parti, HE Comics, che narra delle avventure di un gruppo di spregiudicati vampiri. Rimesta un po’ nel torbido, come fa il buon fumetto, e prende ispirazione da tematiche sociali e dalla storia dei nostri territori, attraverso immagini ricche e suggestive. E’ al quarto albo, “Vita e morte di Isidor”.

2. VictorsLazlo88
“Fumetti per gioco” si apre ancor di più al mondo di Youtube e dei Social Network. Tra gli ospiti ci sarà VictorsLazlo88, al secolo più compostamente Mattia Ferrari, youtuber molto seguito con oltre 9 milioni di visualizzazioni e il pallino delle recensioni cinematografiche dallo stile creativo e tutto personale.

3. Stormborn Studio
Come rappresentanti dell’area videogame scegliamo questo gruppo indipendente di Trieste che si dedica alla progettazione di giochi innovativi e fuori dalle righe. Attualmente stanno sviluppando un Fantasy RPG (che mi dicono significare Role Playing Game), dal titolo Runes: The Forgotten Path. Per il resto, a “Fumetti per gioco” saranno presenti diverse software house, appuntamenti dedicati al retrogaming e numerose postazioni per videogame.

4. Fumetti, tanti fumetti
Oltre alla Hammerle Editori che presenterà Trieste Rosso Sangue, saranno presenti numerosi ospiti provenienti dal mondo del fumetto. Tra questi, Mario Alberti, che presenterà il suo ultimo lavoro “Tex – Fronteral” della famosa serie di romanzi a fumetti edito dalla Bonelli; Diego Fichera, illustratore di “Sheepherder”; Dr. Mabuse Collettivo, fumettisti di Treviso che presenteranno le due nuove produzioni “Guarda che luna” e “Waldo Spatten”.

5. Il Cosplay
Facendo una ricerca su google immagini, il risultato si può sintetizzare in una parola: escile. Che altro dire? Che a “Fumetti per gioco” sarà organizzato un concorso a premi dedicato ai migliori cosplayer, presentazioni libere e corsi di preparazione di abiti e accessori. Tra il pubblico si aggirerà anche Nekosama, detto “Il Sommo” (mah…), famoso fotografo cosplayer.

Commenti Facebook
By | 2015-11-17T16:12:50+00:00 17/11/2015|Categories: Magazine|Tags: , , , |Commenti disabilitati su Le cinque cose da non perdere a Fumetti per Gioco

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.