Le coreografie virtuose della Parsons Dance in arrivo al Rossetti

La celeberrima compagnia Parsons Dance fondata e diretta da David Parsons – uno dei massimi esponenti della post-modern dance americana – sarà ospite del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia martedì 16 luglio, nell’ambito della rassegna “Trieste Estate 2013” promossa dal Comune di Trieste. Un appuntamento con la danza di respiro internazionale e di alto livello, che regalerà al pubblico emozioni delicate come pure esplosioni di energia e fantasia.

Ballerino, coreografo, insegnante, direttore e produttore, il versatile e carismatico David Parsons nel 1987 crea la Parsons Dance, un assieme di ballerini raffinati e duttili, interpreti perfetti della poetica che domina il suo linguaggio coreografico. Un linguaggio che pone al centro della comunicazione il corpo umano, inteso come strumento meraviglioso e dalle possibilità infinite, e trasmette una danza che è gioioso inno alla vita, poesia e forza, incanto e leggerezza.

La Parsons Dance sarà a Trieste il 16 luglio.

L’approccio di David Parsons alla danza è in effetti singolare: si basa sulla tecnica impeccabile dei danzatori tutti capaci di virtuosismi classici e di momenti di possente fisicità, ma si apre a sferzate di energia positiva, si abbandona a momenti di seduzione, d’incanto, di commozione. Ogni suo spettacolo è un continuo intreccio di vitalità e sensualità, spensieratezza, slancio appassionato, eleganza. Il pubblico rimane assolutamente conquistato dalla Parsons Dance, dal primo all’ultimo istante del programma: lo sa bene la platea dello Stabile regionale che ha già intessuto un intenso rapporto con la compagnia in scena nel 2009 e nel 2002, quando lo stesso coreografo danzò una propria indimenticabile creazione.

Le coreografie in locandina in effetti lasciano intuire un inarrestabile crescendo che passa per brani classici del repertorio e altri nuovi: da  Kind of Blue all’attesissimo Caught – un assolo molto famoso in cui la combinazione fra un incredibile virtuosismo di salti dell’interprete e un gioco sapiente di luci stroboscopiche fa sì che il ballerino appaia come se fosse “in volo” – poi  Ebben, In The End, Nascimento Novo fino all’ultima creazione Round My World. Le musiche spaziano da Rossini e Mozart al jazz di Phil  Woods e Miles Davis, dal leggendario musicista brasiliano Milton Nascimento a Robert Fripp, chitarrista e fondatore dei King Crimson; dalla popolare musica della Dave Matthews Band alle celeberrime hit degli Earth, Wind & Fire.

Commenti Facebook

About the Author:

Enrico Matzeu
Direttore artistico di Taglia Corti. Scrive di moda, costume, design e tv per molte testate on-line e commenta la televisione ogni sabato su Rai Tre a TvTalk.