Le dieci cose da non perdere al Trieste Science+Fiction

Dal 3 all’8 novembre 2015 si svolgerà la quindicesima edizione del festival internazionale della fantascienza “Trieste Science+Fiction”, organizzato e promosso da La Cappella Underground. Trieste per una settimana diverrà la capitale europea del cinema fantastico, con la convention annuale della European Fantastic Film Festivals Federation (EFFFF) e la 19a Golden Méliès Ceremony in programma il 6 novembre. Ecco qualche consiglio per superare di slancio le 6 giornate del festival.

1. L’apertura all’insegna di Frankenstein
Il film di apertura del festival sarà l’anteprima italiana (uscirà da noi solo nel 2016) di Frankenstein di Bernard Rose. Il film è ambientato nella Los Angeles di oggi ed è raccontato interamente dalla prospettiva del mostro. Adam, questo il suo nome, dopo essere stato creato da una coppia di eccentrici scienziati, Danny Houston (21 grammi, I figli degli uomini e Big Eyes) e Carry-Anne Moss (Matrix, Memento e Pompei), viene abbandonato perché creduto morto e si ritrova in un mondo che non gli concede altro che violenza e percosse. I mostri si riveleranno alla fine gli esseri umani, e la loro crudele natura. “Ciò che mi ha colpito in questa storia così tante volte raccontata, è entrare nella mente del mostro, sentire la sua confusione e il suo dolore.”: parola di regista.

2. La notte degli ultracorpi
La Notte degli Ultracorpi si sposta nel Salone degli Incanti, l’ex Pescheria Centrale. Ospite speciale della festa, che si terrà sabato 7 novembre, sarà Alexander Robotnick, aka Maurizio Dami, pioniere della musica elettronica italiana. Autentica leggenda vivente, le sue produzioni dei primi anni ’80 sono state suonate e remixate da ogni tipo di dj. Quando gli hanno chiesto come spiegherebbe ad un alieno quello che fa alla consolle, ha risposto: “produco delle onde sonore ritmiche che inducono i presenti a compiere movimenti del corpo che imitano l’attività sessuale con cui gli umani si riproducono. Tutto il resto è scenografia”.

3. Il Ritorno al futuro di Trieste Science+Fiction
Negli ultimi giorni non si è parlato d’altro. Un lampo squarcia il cielo notturno di Hill Valley e la DeLorean arriva nel futuro. Non poteva allora mancare l’omaggio di Trieste Science+Fiction, con il raduno nazionale delle DeLorean, organizzato assieme al Club Italiano DeLorean, sabato 31 ottobre. Alcuni fortunati potranno persino fare un giro sulla macchina, sotto le 88 miglia orarie, altrimenti sarà difficile recuperarli. Domenica 1 novembre, invece, maratona cinematografica dell’indimenticabile trilogia di Robert Zemeckis, al Teatro Miela.

4. Blood on Méliès’ Moon
Evento speciale dello Spazio Italia, sezione dedicata alle produzioni fantastiche e fantascientifiche made in Italy. Si tratterà dell’anteprima di un lavoro ancora in corso d’opera di Luigi Cozzi. La storia ci dice che in Francia nel 1890 l’inventore Louis Le Prince, dopo aver brevettato una macchina per filmare le immagini in movimento e proiettarle in grande su uno schermo, è scomparso in circostanze misteriose. Cinque anni più tardi, i fratelli Lumière di Lione hanno brevettato una macchina molto simile a quella di Le Prince, il cinematografo. Ma resta un enigma: dove sono finiti Louis Le Prince e la sua invenzione brevettata?

s+f 2009

5. Bruce Sterling, premio Urania alla carriera
Tra i più importanti scrittori della fantascienza americana, da lui profondamente innovata a il Premio Urania alla Carriera, in collaborazione con la celebre collana di fantascienza Mondadori Urania. Tra i suoi classici, La macchina della realtà (The Difference Engine, 1990), scritto con William Gibson, che ha praticamente creato il genere “steampunk”, vale a dire la fantascienza ambientata non nel futuro, ma in un passato rivisitato.

6. Il Méliès d’or
Normalmente al Science Fiction si assegna il Méliès d’argento, così come negli altri festival in giro per l’Europa affiliati alla European Fantastic Film Festivals Federation. Quest’anno, però, avrà l’onore di ospitare anche l’edizione 2015 del prestigioso premio d’oro, vero e proprio Oscar europeo del fantastico, individuato tra i vincitori dei vari Méliès d’argento. Per farla breve, il meglio del cinema fantastico del Vecchio Continente.

7. Profondo Rosso Soundtrack
La notte di cerimonia dei Melies d’Or, il 6 novembre alla Sala Tripcovich, sarà coronata dal concerto dei Goblin di Claudio Simonetti, “Profondo Rosso Live Soundtrack”: un’esecuzione in real time della colonna sonora del capolavoro italiano. Son passati 40 anni da quando agli storici studi Trafalgar di Roma, nel 1974, i Goblin iniziavano a registrare la colonna sonora del film diretto da Dario Argento. Sarebbe poi diventata celebre quanto il film, raggiungendo il vertice delle chart discografiche, rimanendovi per quasi un anno e vendendo oltre 4 milioni di copie.

8. L’anteprima mondiale di Andron – The Black Labyrinth
Il film di Francesco Cinquemani ha come protagonisti Alec Baldwin, Danny Glover e la superstar Skin. La trama vuole che un gruppo di sconosciuti sia prigioniero di un labirinto misterioso e letale, non ricordandosi né come ci siano arrivati né come si chiamino. Altro non è dato sapere, nel misterioso Andron.

aNDRON-2

9. Joe R. Lansdale
Sarà lo scrittore statunitense a presiedere la Giuria internazionale del Premio Asteroide della 15a edizione del Festival della Fantascienza triestino. Joe R. Lansdale ha scritto piú di venti romanzi e centinaia di racconti, ed è forse il piú geniale autore di genere contemporaneo. È in uscita a dicembre il suo atteso romanzo Honkytonk Samurai, una nuova avventura investigativa degli amatissimi Hap Collins e Léonard Pine. Il pubblico lo potrà incontrare domenica 8 novembre alle ore 17 in Sala Tripcovich, per una masterclass moderata dallo scrittore Tullio Avoledo.

10. Gli incontri di futurologia
Sono troppi per essere citati tutti. Meglio lasciarsi con qualche punto interrogativo. Sono possibili i viaggi nel tempo attraverso wormhole e buchi neri a là Interstellar? E le avventure su Marte di The Martian? E i dinosauri sul Carso?

Commenti Facebook
By | 2015-11-02T11:52:01+00:00 02/11/2015|Categories: Magazine|Tags: , , |Commenti disabilitati su Le dieci cose da non perdere al Trieste Science+Fiction

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.