Le migiori start-up italiane volano in California

Al via il 23 febbraio l’Italian Innovation Day – Why Italy matters to the world, che si svolgerà a Berkeley, l’Università della California. L’evento, organizzato da Mind the Bridge, una fondazione no-profit fondata da uno dei manager di Google Marco Marinucci, è giunto ormai alla quinta edizione. L’Italian Innovation Day è l’occasione dell’associazione di portare negli Stati Uniti le migliori idee che escono dalla sua annuale competizione per business plan. È un’occasione per presentare al mondo quello che l’Italia ha da offrire in quanto a innovazione e a creatività, sia quanto può riguardare le start-up che le PMI e per aprire loro un mondo di opportunità.

Università di Berkeley

Saranno undici le start-up che potranno sostenere il proprio elevator pitch alla presenza dei migliori investitori a livello mondiale. Al termine delle sessioni verrà anche proclamato il vincitore della Mind the Bridge Competition 2011/2012. Gli obiettivi dell’evento, oltre a mostrare il meglio delle start-up tecnologiche e PMI italiane, consistono nel creare opportunità di partnership, rafforzare a livello globale i legami nel campo dell’innovazione e attirare l’attenzione degli investitori.

L’organizzazione dell’evento richiede molti sforzi, ed è per questo che Mind The Bridge collabora con vari attori, tra cui Intesa Sanpaolo, promotore della Startup Initiative, l’Università californiana di Berkeley, e BAIA-Business Association Italy America. 

Per conoscere le undici start-up che saranno presenti all’evento, è possibile visitare questa pagina.

Commenti Facebook
By | 2012-02-23T11:04:00+00:00 23/02/2012|Categories: Economia, Mondo|Tags: , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa