Le parole di coach Dalmasson dopo la prima settimana

Con la nuova stagione alle porte, la Pallacanestro Trieste 2004, si è ritrovata questa settimana per i primi allenamenti nella palestra di via Locchi, soddisfazione da parte del coach Eugenio Dalmasson che ha così commentato il lavoro svolto dai suoi ragazzi:”Credo sia innanzitutto da sottolineare quanto sia importante aver ripreso l’attività dopo le vicissitudini estive: nelle giornate iniziali di allenamenti c’è stata da subito una grande disponibilità da parte di tutti i giocatori, con quelli non facenti parte della 1° squadra che ci stanno aiutando molto a livello di intensità. Aspettando di completare definitivamente il roster, c’è da dire che siamo partiti con una buona qualità sotto il profilo atletico, il che ci agevolerà non poco quando poi andremo a effettuare un tipo di lavoro maggiormente più tecnico”.
Ottimo lavoro anche da parte dell’americano Will Harris, in prova due settimane con la maglia biancorossa: “Will si è immediatamente distinto per la grande simpatia e per la voglia di interagire con gli altri, – ha sottolineato il coach – basti pensare che il giorno successivo al suo arrivo si è presentato parlando già un po’ in italiano. Ho personalmente fatto una lunga chiacchierata con lui e gli ho consigliato di vivere questo periodo assieme a noi con grande serenità: gli daremo il giusto tempo per dimostrare la propria forza, che si è già intravista sul parquet.” Harris che è subito stato festeggiato con una festa a sorpresa dai compagni in spogliatoio in onore del suo compleanno.
In vista della preparazione, la squadra di Dalmasson, martedì 27 giocherà la prima amichevole contro la squadra locale a Postumia alle ore 19.00.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:12:36+00:00 24/08/2013|Categories: Sport|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.