Legambiente, una giornata dedicata al suolo

Verrà presentato domani, giovedì 6 febbraio, alle ore 17.30, il progetto Un tesoro di suolo, organizzato da Legambiente Gorizia e che si svolgerà presso la Mediateca di via Bombi

Al centro dell’incontro ci sarà il consumo di suolo, inteso come alterazioni delle superfici agricole e naturali e di distruzione del paesaggio, uno dei problemi più importanti ma allo stesso tempo più sottovalutati del nostro Paese. Concentrandosi nella zona di Gorizia, dal 1980 al 2000 sono stati persi quasi 600 ettari di terreni naturali ed agricoli a causa dell’edificazione. Risulta quindi fondamentale parlare del problema e sensibilizzare la cittadinanza e le istituzioni. La proposta di Legambiente si inserisce in questo quadro con l’obiettivo di spiegare ai cittadini il valore del bene “suolo” e i rischi legati a un suo uso non pianificato, ma soprattutto per lanciare una campagna di monitoraggio fotografico delle varie tipologie di consumo di suolo rilevabili attorno a noi.

Il progetto, diviso in due parti, punta in particolare a coinvolgere gli studenti universitari, giovani, oltre a chiunque sia interessato. La prima parte consiste in un corso intensivo per diventare “fotoreporter del consumo di suolo”. Durante i tre incontri sarà possibile conoscere meglio il fenomeno e soprattutto imparare a creare un reportage fotografico. Il risultato dei lavori verrà poi raccolto e pubblicato in una mostra fotografica itinerante. La seconda parte prevede invece alcuni eventi pubblici di approfondimento e discussione, sempre incentrati sul problema del consumo di suolo con la presenza di vari esperti. Per gli studenti di architettura dell’Università di Trieste che parteciperanno sono anche disponibili 2 crediti formativi. Per informazioni e dettagli dell’iniziativa è visitabile il sito internet dedicato.

Commenti Facebook
By | 2014-02-05T18:38:24+00:00 05/02/2014|Categories: Magazine|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa