L’Evolution Dance Theater strega il Bobbio

Successo non solo tra i giovani ma nel pubblico di tutte le età quello riscosso ieri sera al Teatro Bobbio dallo spettacolo “Firefly”. Le coreografie di Anthony Heinl hanno mantenuto vivo l’interesse degli spettatori grazie alla fusione tra danza , teatro, acrobatica e video art. Oltre un’ora di effetti speciali, realizzati grazie al light design di Adriano Pisi, hanno fatto in modo che il pubblico mettesse fine ben presto alla ricerca del trucco che stava dietro le strabilianti esibizioni dell’Evolution Dance Theater, per farsi trasportare completamente da quanto stava accadendo sul palco. Intrattenimento allo stato puro, in grado di divertire e stupire grazie all’incontro tra danza, recitazione e magia che ha dato concretezza a idee geniali.

Un viaggio tra mondi diversi e salti temporali quello portato sul palco del Bobbio.

Ottima riuscita grazie anche al talento dei sette ballerini esibitisi insieme allo stesso Heinl, che hanno trasmesso una sensazione di leggerezza e fluidità nonostante l’abilità fisica richiesta dalle elaborate coreografie, tanto che anche la gravità sembrava scomparire tra i giochi di luce portati in scena. Un viaggio tra mondi diversi e salti temporali grazie alla mimica che accompagnava i loro passi sulle note romantiche e sognanti di “Clowns” e l’energia messa nei brani di Harry Nilsson. Nulla è stato lasciato al caso nello spettacolo, a partire dalla prima entrata in scena fino agli assoli con cui i ballerini si sono congedati accompagnati dagli applausi del pubblico, durati per oltre cinque minuti.

Heinl riconferma con “Firefly” il suo desiderio di sperimentazione che lo ha portato ad ottenere anche questa volta “effetti hollywoodiani”. Anthony non può essere di certo definito solo un coreografo, ma anche un poeta ed un pittore che utilizza i colori presenti in scena come tonalità di una tavolozza, per trasmettere i suoi sentimenti agli spettatori. Un vero artista che riesce a portare gli spettatori in luoghi fantastici come quelli di Alice, nel suo paese delle meraviglie.

Commenti Facebook
By | 2013-03-28T16:43:18+00:00 28/03/2013|Categories: Teatro|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa