L'orgoglio spinge la Pallacanestro Trieste

Una vittoria sofferta quella dell’Acegas di coach Dalmasson che contro un Ferentino molto forte sul piano fisico, tira fuori gli attributi e riesce ad arrivare ad una vittoria a cui non pensavano tutti i tifosi accorsi al palazzetto. Una vittoria difficile visto l’inizio del match dove gli avversari erano decisamente più in campo dei biancorossi, reduci da una brutta sconfitta a Brescia, mettendoli in difficoltà con un canestro di Muhammad a cinque secondi dall’inizio.

Trieste mette in campo Ruzzier, Thomas, Filloy, Gandini e Kadel a cui risponde coach Gramenzi con Guarino, El Amin, Righetti, James, Experigin. Un primo quarto non dei migliori quello dei padroni di casa che peccano più di una volta in difesa facendo giocare Guarino e i suoi, ma anche tanti errori in attacco che permettono agli ospiti di chiudere il vantaggio 11 a 13 il primo quarto, con Thomas, con sette realizzazioni, il migliore nelle file triestina.

Nel secondo quarto l’Acegas riesce ad andare in vantaggio con una tripla del numero 15 Nikita (14-13) ma sono di nuovo gli avversari a portarsi avanti con una tripla di di Carrizo. A tre minuti e mezzo di gioca è Gandini a ritrovvare il pareggio per i suoi (23-23), gli risponde subito Gurini (il migliore del quarto con 14 punti) ma il vantaggio arriva sul 27-25 che fa infervorare tutto il pubblico triestino. Ferentino comincia prendere il largo raggiungendo il massimo vantaggio con un canestro di Gurini quando mancano due minuti e mezzo prima che le squadre si prendessero pausa lunga (27-37). Il quarto si chiude con il recupero di Thomas e Ruzzier che accorciano le distanze di solo due lunghezze (38-40).

Nonostante una dose di carica di coach Dalmasson negli spogliatoi, sono nuovamente gli avversari ad aprire in positivo il quarto con Experigin che dopo pochi minuti di gioco ferma il tabellone sul 38-44 per FMC. A tre minuti di gioco, una stupenda azione manovrata da Filloy e Ruzzier porta al pareggio di Gandini (48-48) e subito dopo una tripla di Filloy che fanno rispuntare la carica dei padroni di casa. A quaranta secondi dalla fine, un ritrovato Carra, che non aveva iniziato la partita nel migliore dei modi, accorcia le distanze che nuovamente Ferentino aveva macinato (59-62), ma sono gli avversari che chiudono in avanti 59 a 64.

Con l’ultimo quarto iniziano i dieci minuti di Ruzzier che non perde un colpo e accorcia le distanze dopo tre minuti di gioco portandosi 65 a 66. Il vantaggio arriva per mano del vice Gandini (67-66) con un’azione aperta da Ruzzier. A meno di due minuti dalla fine della partita la situazione è di parità, 77 a 77 ed è Thomas, uno dei migliori in campo, ad andare in vantaggio (79-77). A trentasette secondi dalla fine la situazione è tesissima, Thomas va a segno con due tiri liberi (80-77), minuti chiamato dalla panchina ospite e al rientro Ruzzier fa fallo su Guarino che infila due liberi (80-79), ma a dieci secondi dalla fine è la tripla di Filloy che chiude ogni possibilità di recupero ospite e con un sudatissimo 84 a 79, Trieste porta a casa una vittoria da cardiopalma.

ACEGASAPS- FMC FERENTINO 84-79 (11-13, 38-40, 59-64)
ACEGASAPS: Tonut ne, Ondo 2, Mastrangelo 4, Ruzzier 16, Thomas 19, Filloy 9, Cantarello, Carra 6, Mescheriakov 12, Gandini 12, Urbani 4, Fall. All. Dalmasson.

FERENTINO: Guarino 5, El Amin 10, Tomassini, Parillo ne, Righetti 13, James 13, Gurini 22, Basei 2, Perroni ne, Experigin 8, Pongetti ne, Carrizo 6. All. Gramenzi.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:16:07+00:00 22/10/2012|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.