L’Udinese sfiora l’impresa, la Juve passa all’ultimo assalto

Lei l’ha sfiorato. Per un attimo la sua mano è scivolata dolcemente sul suo profilo. Ha cercato la presa. Ha provato a trattenerlo e tenerselo stretto a sé, allungandosi con tutto l’ardore e il coraggio di cui è capace. Ma illusorio come un sogno e fugace come una stella cadente, lui ha sorriso e si è consegnato nelle mani della Vecchia Signora, una donna dal fascino intramontabile. Lei è l’Udinese, e lui è il bottino pieno che, per un attimo, è sembrato essere realmente alla portata dei friulani. Di Natale più volte e Lazzari poi hanno sbattuto contro un redivivo Gigi Buffon, autore di una prestazione straordinaria. Sugli scudi anche Brkic, provvidenziale in più di un’occasione, ma impotente di fronte al beffardo tocco sotto porta di Llorente, che al 91′ ha corretto una svirgolata di Lichtsteiner, regalando i tre punti alla Juventus all’ultimo assalto.

Fernando Llorente, il suo gol al 91' ha consegnato i tre punti alla Juve

Fernando Llorente, il suo gol al 91′ ha consegnato i tre punti alla Juve

LA PARTITA – La squadra di Guidolin, reduce dalla brillante affermazione casalinga contro la Fiorentina, si schiera con il consueto 3-5-1-1, con il baby Bruno Fernandes – prestazione positiva per lui – alle spalle di Totò Di Natale. La Juventus risponde con il medesimo modulo, riconfermando la “caldissima” coppia d’attacco Tevez-Llorente. Le due formazioni godono di ottima forma, e ciò viene confermato dai ventidue in campo sin dalle prime battute. I padroni di casa fanno la partita con grande agonismo, mentre i friulani replicano con un’arcigna difesa e ripartenze micidiali. Nel corso del primo tempo, durante il quale Pogba deve sostituire un acciaccato Pirlo, la Juventus si rende pericolosa grazie sì alle iniziative del suo tandem offensivo, ma soprattutto agli inserimenti di un indiavolato Marchisio. L’occasione migliore, tuttavia, capita sui piedi di Di Natale, che, beneficiando di un errato retropassaggio di Bonucci, tenta il pallonetto a tu per tu con Buffon, il quale tocca con un poderoso colpo di reni evitando il gol. La ripresa è ancora più combattuta e vivace della prima frazione e vede i due estremi difensori molto impegnati. Salva Brkic su Tevez. Heurtaux, Danilo e Domizzi si disimpegnano egregiamente. La Juve preme e l’Udinese corre. “Manuale del calcio, pagina 248: Il Contropiede” – direbbe José Altafini. Verticale per di Natale che di prima al volo inventa una sponda di 50 metri per Fernandes, il quale è libero di correre palla al piede sino nei pressi dell’area juventina, punto dal quale lascia partire un insidioso fendente: Buffon respinge, Di Natale si avventa sulla sfera e calcia a botta sicura, ma il numero uno della Nazionale si supera murando la conclusione di Totò. Il pressing dei piemontesi si fa feroce, ma in contropiede c’è ancora spazio per l’Udinese. Di Natale fa il giocoliere in mezzo al campo, supera con un tacco volante Bonucci e tocca per Lazzari, il quale fa partire un tremendo sinistro a giro che Buffon salva miracolosamente in angolo. I friulani masticano amaro, prendono fiato e la Juventus prova ad approfittarne. Sull’ennesimo corner dei padroni di casa Llorente stacca più alto di tutti, ma Allan salva sulla linea a Brkic battuto. Ci provano anche Lichtsteiner e l’ex Quagliarella, disinnescato dal numero uno friulano. In un finale concitatissimo, in cui potrebbe succedere veramente di tutto, la qualità della Juventus ha il sopravvento. Gli ultimi cinque minuti sono un mini-assedio della squadra di Torino, che passa al 91′: nella mischia creatasi in area friulana, Lichtsteiner sporca un mancino che timbra proprio la testa di Llorente, che può così festeggiare il suo quarto gol in Serie A e i tre punti per la Vecchia Signora.

L’Udinese esce così dallo Juventus Stadium privata di un punto probabilmente meritato, seppur i padroni di casa non abbiano rubato alcunché. I friulani tuttavia, lo fanno a testa non alta, altissima. Dopo una prestazione del genere, di grande cuore e applicazione sia mentale che tecnica, il San Paolo di Napoli – prossimo impegnato in campionato dei friulani – fa meno paura.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:11:57+00:00 01/12/2013|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author: