L’Units si illumina di meno

Era il 16 febbraio 2005: entrava in vigore il Protocollo di Kyoto, redatto otto anni prima in una cittadina giapponese. Le cose – si sa – in politica internazionale non procedono mai spedite. Ed anzi, spesso finiscono per accartocciarsi, come le vicissitudini di quel documento che doveva salvare il pianeta dai cambiamenti climatici. Seguirono altri trattati, nuovi impegni, conferenze sul clima, tra cui l’ultima di Parigi l’anno passato. A detta molti, non proprio delle soluzioni definitive e all’altezza dell’urgenza posta dalla questione ambientale.

Quello stesso giorno di undici anni fa, una poesia di Ungaretti perdeva l’immenso e diventava un inno al risparmio energetico. Nasceva M’illumino di meno, la più grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sul risparmio energetico, promossa dalla trasmissione di Radio 2 Caterpillar. Che negli anni seguenti crebbe fino a raccogliere migliaia di adesioni e di “spegnimenti” simbolici. Arrivò persino a bussare alla porta del Parlamento europeo: nel 2008 – per bocca del suo presidente Hans-Gert Pottering – venne riconosciuta ufficialmente come “un evento che ha un valore simbolico ed un effetto tangibile“. Basti pensare che nelle edizioni passate vennero spenti simbolicamente importanti monumenti storici come il Colosseo, la Torre Eiffel e Trafalgar Square. A far due calcoli sugli effetti della campagna ci pensò la società di distribuzione dell’energia elettrica Terna: nel 2008, pochi minuti dopo l’inizio dell’evento, venne registrata una riduzione istantanea del fabbisogno di energia elettrica dell’ordine di 400 Megawatt, pari al consumo di qualcosa come 7 milioni di lampadine.

millumino

Ma una campagna resta pur sempre una campagna: perché le iniziative sparse su tutto il territorio nazionale – che coinvolgono università, enti locali, aziende, associazioni, singoli cittadini – non risultino dei gesti estemporanei, devono dar seguito ad un lavoro quotidiano, che incida su stili di vita ed abitudini di consumo. Ed è anche a questo che guarda la campagna: grazie soprattutto al mezzo radiofonico, vengono raccontate le migliori pratiche di risparmio energetico in Italia e all’estero, rinnovando annualmente lo sforzo verso una riduzione effettiva dei consumi.

Si giunge così alla dodicesima edizione, ormai ai nastri di partenza, che culminerà il 19 febbraio con la Festa del Risparmio Energetico e il grande appuntamento di spegnimenti simultanei in tutta Italia. Con un elemento in più: l’edizione 2016 sarà contrassegnata dal tema della mobilità sostenibile, attraverso l’operazione Bike the Nobel, altra campagna di Caterpillar nata con l’intento di candidare la bicicletta a Premio Nobel per la Pace e diffondere così l’uso di tutti i mezzi a basso impatto energetico come simbolo di pace e rispetto per l’ambiente.

Dalle parti dell’Units, invece, sarà tempo di cene romantiche. Come accade da diversi anni, in occasione di M’illumino di meno, il Consiglio degli studenti promuoverà una cena a lume di candela. Appuntamento alle 19 nella Mensa centrale del Campus di Piazzale Europa, dove sarà anche predisposto un banchetto informativo sul risparmio energetico, le abitudini ecologiche e gli esempi di riciclo creativo.

Commenti Facebook
By | 2016-02-17T10:28:44+00:00 17/02/2016|Categories: Magazine, Università|Tags: , , |Commenti disabilitati su L’Units si illumina di meno

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.