Notre-Dame de Paris danza al cinema con Roberto Bolle

Roberto Bolle nelle vesti di Quasimodo, il gobbo di Notre-Dame.

Esordio al cinema per Notre-Dame de Paris, il balletto campione d’incassi, rappresentato lo scorso febbraio al Teatro la Scala di Milano, basato sul celebre romanzo di Victor Hugo.
Il 16, 17 e 18 dicembre, grazie a Rai e Microcinema, 150 sale cinematografiche italiane ospiteranno  la coreografia di Roland Petit, le musiche di Maurice Jarre, le scene di René Allio e i costumi di Yves Saint-Laurent, con immagini in alta definizione e audio 5.1, per non perdere il realismo del teatro.

Protagonista un cast di alto livello capitanato da Roberto Bolle, nella parte di Quasimodo, uomo gobbo e deforme, ma di animo gentile e amorevole. Danzeranno al suo fianco Natalia Osipova, prima ballerina del Teatro Mikhailovskij e dell’American Ballet Theatre, e i primi ballerini Mick Zeni e Eris Nezha.

Una storia in cui nessuno è ciò che appare esteriormente, e dove il punto principale, secondo Roberto Bolle, è quello di di «tirare fuori la bellezza interiore», che si pone come una sfida per il povero gobbo, giudicato un mostro a causa del suo aspetto, e anche per Esmeralda, la giovane e pura zingara tacciata di omicidio e stregoneria. Potrebbe trattarsi di una storia moderna per i suoi significati intrinsechi. Lo afferma anche Petit, aggiungendo che si tratta di una carrellata di personaggi che vengono «respinti per la loro differenza».

Commenti Facebook

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.