Nuove ondate di cinema con la XIV edizione di Maremetraggio

Il logo della quattordicesima edizione di Maremetraggio.

E’ ormai questione di pochi giorni, prima che la quattordicesima di Maremetraggio, International Short Film Festival, prenda il via domenica 30 giugno.
Si è tenuta durante la mattina di martedì 25 giugno, presso il Punto Enel all’interno della Galleria Tergesteo, la conferenza di presentazione della nuova edizione del festival di cortometraggi, che anima l’estate triestina. Saranno 69 i corti in gara, selezionati come “best of the best” tra le oltre 1000 opere giunte.
A tal proposito, la presidente dell’associazione Maremetraggio, Chiara Valenti Omero, durante la conferenza, non ha mancato di esprimere un piccolo rammarico per l’impossibilità di poter proiettare tutti i film arrivati, molti dei quali da oltreoceano.
Il festival anche per quest’anno manterrà il consueto format, dividendo le opere proposte in sezioni e promuovendo le numerose attività collaterali.

La sezione Maremetraggio trasmetterà al Teatro Miela i corti in gara per vincere l’ambito premio Punto Enel di ben 10 mila euro, e verrà assegnato dalla giuria composta dalla sceneggiatrice Isabella Aguilar, da Pietro Maestri, uno dei maggiori direttori Creativi Esecutivi in Italia, e dall’attrice Lucia Mascino. I riconoscimenti all’interno di questa sezione prevedono anche: il premio “Studio Universal”, che consisterà nel’acquisizione dei diritti Pay per la trasmissione televisiva di quello che verrà giudicato il miglior corto italiano; il premio Rai News al miglior corto d’attualità; il premio del pubblico “Piquadro”; il premio “AMC” al miglior montaggio italiano, il premio “MYmovies.it”, celebre sito per i cinefili e non, che trasmetterà via etere tutte le opere del festival; ed infine il premio “Oltre il muro” al miglior corto, assegnato dai detenuti della Casa Circondariale di Trieste.
Peculiarità di quest’anno è che tutti i corti che verranno trasmessi al Miela, potranno poi essere rivisti proprio nella sede del Punto Enel, presso la Galleria Tergesteo.

Non sarà da meno la sezione Ippocampo, dedita alla proiezione di quelle opere italiane che sono passate

L’attore Luca Marinelli, di recente sul grande schermo con il film “La Grande Bellezza” di Sorrentino.

in sordina nei botteghini, o che non hanno avuto ancora l’occasione di essere proposte al grande pubblico. Sono proprio queste sei opere “invisibili” che porteranno nel capoluogo friulano attori e registi emergenti e non, i quali vedranno i propri film contendersi il premio del pubblico alla migliore opera prima.
E sempre parlando di esordienti, non si può tralasciare l’ospite speciale di quest’anno, su cui Maremetraggio ha deciso di scommettere. Sarà infatti incentrata sul giovane attore Luca Marinelli, classe 1984, l’annuale prospettiva del festival: occasione in cui è possibile vedere da vicino le future stelle del domani.

Se l’anno scorso la vi era un focus speciale sull’India, anche per quest’anno a Maremetraggio vi saranno proiezioni interamente dedicate alla cinematografia di un Paese extraeuropeo: il Kazakhstan. Grazie alla collaborazione con il Consolato onorario kazako per la regione Friuli Venezia Giulia e l’Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan, la serata del 4 luglio sarà dedicata proprio al cinema di questo Paese.

Gli eventi speciali quest’anno vanteranno un omaggio al regista Carlo Lizzani e all’attrice triestina Laura Solari, un documentario sull’artista Renata Pfeiffer, e “Fuoriscena”, una mostra di immagini ad acquerelli dedicati, ovviamente, al mondo del cinema,  realizzata in collaborazione con la rivista Newscinema, degli artisti Giovanni Manna e Laura Manaresi. Sarà proprio “Fuoriscena” a dare il via a Maremetraggio, domenica 30 giugno, con la sua inaugurazione alle 19.30, presso la Galleria Tergesteo, a cui seguiranno poi le prime proiezioni.

L’immagine presente sui segnalibri di Maremetraggio.

Le attività collaterali proseguono con un workshop per attori dedicato al casting in collaborazione con Officine Mattòli e Trieste Casting e un contest fotografico, “#14misff”,a cui può partecipare chiunque: è sufficiente fotografare il segnalibro di Maremetraggio e caricare la foto sulla pagina Facebook del festival .

Commenti Facebook

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.