Nuove Uscite: "Cucina povera" dei manzOni

Copertina dell’album: “Cucina povera”

E’ uscito il 2 ottobre per l’etichetta Garrincha dischi il secondo album dei manzOni: “Cucina povera“. Il loro secondo disco si riferisce alla difficile arte di fare cose semplici, mordere e assaggiare ogni giorno quotidiano. “Cucina povera” parla del vivere inteso come la quotidianità sana, lontana dalla complessità forzata, dalla falsità a bassa modulazione di un vivere amorale. Tutto questo prende forma in nove canzoni fuori dagli schemi che sono furibonde anche se all’apparenza sembrano tranquille.

A ben due anni dall’esordio che porta il nome del gruppo e ad uno dall’ ep “L’astronave” (che raccoglieva uno dei brani più indecenti e altre tracce escluse ) e dopo tanti concerti riusciti più che bene che “accaparrano” sempre più fan, il gruppo torna con una bomba pronta ad esplodere : “Cucina povera“. Il lavoro conferma la grinta dei precedenti prodotti e alza il livello del songwriting. Luigi Tenca, ,è un cinquantanovenne che racconta tramite le sue canzoni la propria storia universale e porta in auge l’indie-rock italiano degli ultimi anni.

Le canzoni evitano accuratamente i ritornelli: perchè non ritorna niente, tutto avviene, segna, giorno per giorno un sodalizio con la musica che ti catturerà e ti farà provare emozioni..proprio come la vita! Al seguito di quella fiamma d’uomo che brucia creano la musica: Fiorenzo Fuolega, Carlo Trevisan, Emilio Veronese e Ummer Freguia. Quattro chitarre e ventiquattro corde che all’occorrenza diventano colpi di batteria e flussi di loop. Il post-rock è la nostra musica popolare, arroventa l‘unica utopia rimasta, quella dei muscoli cardiaci che urlano liberi il loro intenso senso di esistere. Di questo i manzOni sono portatori, vittime ed alfieri. “Cucina povera” è un colpo inferto all’abuso del nulla. L’album impartisce emotività e ricorda che c’è ancora una possibilità,almeno una.

Commenti Facebook
By | 2012-11-23T11:22:26+00:00 23/11/2012|Categories: Musica emergente, Novità Discografiche|Tags: , , , |0 Comments

About the Author: