Nuove uscite: "Off The Beat" dei The Charlestones

Copertina dell’album”Off The Beat”

I The Charlestones, brit-pop band nata nel 2008, sono tornati con un disco che presenta un impasto sonoro che mischia all’ennesima potenza la forza del pop alle idee geniali e alle emozioni più intense. Tramite una forte introspezione che ha portato prima ad un processo di investigazione, raccogliendo indizi, e poi alla risoluzione del caso, sono riusciti a confezionare il disco “Off The Beat”. Il disco si presenta come un film poliziesco da nove puntate ed il bello è che questa volta lo spettatore non deve essere nemmeno costretto a fare il detective.

Il secondo album dei The Charlestones e molto altro rispetto all’immortale mitologia del brit pop. A differenza delle sonorità tipiche del loro primo lavoro “Out From The Blue” che rivisita in chiave personale quarant’anni di sound popular d’Albione, “Off The Beat” allarga i propri orizzonti e infonde maturità e personalità alle nove tracce(e una bonus track) che compongono l’album. Il disco si prospetta come un prodotto inevitabilmente destinato a sopravvivere anche alle mode. Registrato da Davide Croatto presso il Moscow Recording Studio di Udine, il mix e la direzione artistica di Davide Massussi (già in attivo con due album dei Trabant e il primo disco dei The Charlestones), “Off the Beat” è un prodotto musicale incalzante, dal passo poderoso e da una ritmica efficace, che strega l’ascoltatore grazie anche all’energia sprigionata dalla voce di Mattia Bonanni. Le tracce sono molto eterogenee tra loro in quanto il gruppo riesce a spaziare dalle ballad malinconiche come “Standing in the prima of life”, al classico pop tutto batteria e chitarre smeraldine di “Energy”; a echi stile sixties di “The girl who came to stay” col suo stomp solare e alla meravigliosa “Eager beaver” sfumata di soul, pop e fiati. In questo disco c’è tutto ciò che il gruppo ama ed emotivamente è state molto sentito. I Charlestones si reinventano, ampliando il target d’ascolto e presentando un sound più maturo tutto da scoprire.

Commenti Facebook

About the Author: