Nuove uscite: "See You Downtown" dei SYD

Marco Pettinato, in arte John Lui

Marco Pettinato a.k.a. John Lui nasce a Catania nel 1984 e comincia a muovere i suoi primi passi all’età di 14 anni come chitarrista e cantante per poi affinarsi nelle tecniche di produzione e programmazione. Nel 2007 incontra Daniele Tignino con il quale pubblica un Ep per Mantra Records e dei remix ufficiali per band del calibro degli Smiths. Sei mesi a New York nel 2008 gli permettono di affinare le tecniche di produzione di musica elettronica. Nel 2010, a Milano, avvia un nuovo progetto – L Train – pubblicando quattro Ep per Dirty’n Dusty Records. Il 2012 è un anno particolarmente fecondo per l’artista, che prima avvia una collaborazione proficua con Roy Paci, collaborando a progetti come “L’Orchestra del Fuoco” e “Fino alla fine d el Mondo”, per poi dare alla luce una propria creatura: See You Downtown.
L’omonimo album d’esordio (prodotto da Etnagigante) è uscito nel gennaio 2013. Si tratta di un lavoro eterogeneo, dove tutte le influenze che hanno affascinato John Lui nel corso degli anni – lo stoner rock, la club culture e l‘attenta fruizione di tutte le nuove tendenze musicali – convergono in un unico mondo, quello dei SYD. Sound molto personale, che ha tanti punti di riferimento e percorre una moltitudine di linguaggi differenti e attitudi contrastanti.
La produzione si è divisa tra Sicilia e Salento, avvalendosi del prezioso aiuto di RoyPaci e Marco Trentacoste, portando alla luce un disco di musica elettronica suonato e realizzato con le tecniche di un disco rock a tutti gli effetti. Undici tracce che ruotano introno ad atmosfere chimiche fatte di velocità ed irrequietezza, metafora della frenesia che investe irrimediabilmente la nostra quotidianità. I testi sembrano quindi invitarci alla riflessione, elemento spesso trascurato di fronte allo scorrere indifferente degli eventi. Atmosfere creepy di matrice dub come Every, omaggi al blues rurale come Frozen e atmosfere psycho disco come Broken Generation, alimentano l‘eterogeneità di questo variegato lavoro.

Commenti Facebook

About the Author: