Pallacanestro: Trieste conquista la salvezza davanti a 4100 spettatori

Davanti a più di 4000 spettatori, Trieste è chiamata ad acciuffare la salvezza, dentro o fuori, contro Forlì che si gioca la stessa sorte.

Il match inizia in modo equilibrato, Trieste va sul +4 al 3′, risponde Cain e permettere al Credito di Romagna di andare avanti di due lunghezze (9-11), con il contemporaneo e prematuro 3° fallo personale di Diliegro. Trieste, grazie a quattro consecutivi messi da Harris, riesce poi a piazzare un piccolo allungo, consolidato dalla bomba di Candussi e da due liberi di Carra per il 22-15 alla prima sirena.

Dopo un primo quarto in comando, Trieste continua a condurre il gioco con Candussi e Wood in prima linea. Cain prova a rimanere in scia dei bianco-rossi per non lasciarsi sfuggire il quarto, Candussi sbaglia una tripla (26-19). Forlì riesce ad avvicinarsi a Trieste complici Basile, Cain e qualche errore in attacco dei giovani di casa che si lasciano prendere la mano (26-26). Black-out per Trieste con Forlì che riesce a trovare il vantaggio con maggiore fluidità e intelligenza (26-28). Tonut si porta nuovamente davanti a Forlì, colpita poi da una tripla di capitan Carra, Galli chiama minuto (32-28). Crow accorcia e Saccaggi trova il pareggio (32-32). Bomba di Carra dalla distanza e Trieste va in spogliatoio in vantaggio (37-33).

Forlì apre la sessione di gioco del terzo quarto che realizza un parziale di 5-0 ma Tonut e Candussi riescono a impedire agli ospiti di volare via (42-38). Ruzzier dà respiro ai bianco-rossi con due liberi e un’azione ma tripla per i romagnoli e la distanza rimane di quattro lunghezze (48-44). Trieste prova ad andare via con Ruzzier e la tripla di Wood, Galli chiama minuto (51-44). Accorcia Saccaggi ma la tripla di Mastrangelo, rientrato sul parquet dopo mesi di stop, fa esplodere il PalaRubini (56-49). Non molla Forlì e a dieci minuti dalla fine della partita più importante per entrambe le formazioni, il tabellone segna 58-55.

L’ultimo quarto si apre con il pareggio di Ferguson (58-58). Crow mette avanti Forlì e l’animo di Trieste cala con evidenti errori di Diliegro. Dalmasson chiama minuto. Dopo un momentaneo recupero di Trieste, Forlì torna avanti 63-64, Dalmasson richiama in panca Diliegro, al suo posto Candussi. Tripla di Ferguson e fa volare la squadra in vantaggio di quattro lunghezze (63-67). Candussi sbagli ma recupera sotto canestro Harris che accorcia 67-72. Con Crow, Forlì trova il massimo vantaggio del match +7, 67-74 ma tripla di Ruzzier (70-74). Inarrestabile Michele, tripla e Trieste si porta a meno due (73-75). Ancora Ruzzier, Galli chiama time-out ma non se accorge il tavolo, pareggio a un minuto dalla fine del match (75-75). Diciotto secondi, Michele fa esplodere il palazzetto, minuto per Forlì (77-75). Quattro secondi, Ruzzier in lunetta, uno su due per lui e gli ospiti chiama nuovamente minuto (78-75). Nulla da fare per gli ospiti, Trieste salva e Forlì retrocede.

PALLACANESTRO TRIESTE 2004 – CREDITO ROMAGNA FC 78-75 (22-15; 37-33; 58-55)
Trieste: Tonut 4, Mastrangelo 3, Harris 14, Ruzzier 25, Coronica 2, Diliegro 2, Fossati n.e, Carra 8, Candussi 13, Wood 7. All. Dalmasson
Forlì: Cain 18, Ravaioli n.e, Crow 11, Ferguson 23, Sergio 7, Basile 0, Mascherpa n.e, Saccaggi 5, Eliantonio 5, Rosignoli 6. All. Galli
Arbitri: Scrima, Fabiani, Marota

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:11:24+00:00 13/04/2014|Categories: Sport|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.