Pat Metheny ed Ezio Bosso apriranno Udin&Jazz 2016

Mentre si attende il calendario completo della 26° edizione di Udin&Jazz – con alcune voci che parlano anche dell’arrivo in regione della straordinaria cantante e pianista canadese Diana Krall, procedono a gonfie vele le prevendite per i primi due grandi appuntamenti del calendario 2016 del festival, che vedranno protagonisti Pat Metheny, autentica icona mondiale del jazz e della fusion degli ultimi decenni ed Ezio Bosso, pianista, compositore e direttore d’orchestra.

A dare il via a questa edizione, curata dal direttore artistico Giancarlo Velliscig, sarà Pat Metheny, in un concerto che si annuncia già fra i più attesi della stagione, la prima assoluta in Europa del suo nuovo tour dal titolo An Evening with Pat Metheny, in programma sabato 18 giugno al Teatro Nuovo Giovanni da Udine. L’impegnativa tournée vedrà Metheny esibirsi nei templi del jazz – tre date al Blue Note di Tokyo, quattro al leggendario Ronnie Scotts di Londra – assieme a una strepitosa band. Al suo fianco troveremo Antonio Sanchez, quattro volte vincitore di Grammy Award e suo batterista sin dal 2000, Gwilym Simcock, pianista leader del gruppo The Impossible Gentlemen e, infine, la giovanissima e talentuosa contrabbassista australiana di origine malese Linda Oh.
Grande attesa anche per il secondo appuntamento annunciato, quello che vedrà protagonista il pianista e compositore Ezio Bosso.

Dopo aver commosso e incantato il pubblico italiano e internazionale con la sua partecipazione che lo ha incoronato di fatto come vincitore morale dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, Ezio Bosso arriverà a Udine per due imperdibili appuntamenti, il primo già sold out il 10 maggio al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e il secondo, annunciato a grande richiesta, in programma il 28 giugno sul colle del Castello a Udine. L’artista presenterà sul palco il suo primo disco solista al pianoforte: The 12th Room, uscito nell’autunno 2015 e attualmente primo in classifica su iTunes, un doppio album in cui due storie si fondono in una. I brani, dalla forte carica empatica, rappresentano un percorso meta-narrativo dello stesso Bosso. Sono storie di stanze, che rivelano da dove egli proviene, dove si trovano le radici della musica che scrive.

Commenti Facebook
By | 2016-03-24T00:18:11+00:00 24/03/2016|Categories: Magazine|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Come molti laureati in filosofia, leggo, scrivo e cerco la mia strada. Non dovessi trovarla, mi darò alla macchia.