Play-off, Triestina avanti di misura

A diverse settimane di lontananza dall’ultima gara con in palio i 3 punti, la Triestina è tornata a scendere sul prato del Rocco, per il primo atto della scena finale di quest’annata sportiva. Il primo turno dei play-off che valgono la Serie D, ha messo di fronte alabardati e gli altoatesini del St. Martin, squadra volonterosa, ma dal modesto coefficiente qualitativo, soprattutto se confrontato a quello dei giuliani.

Christian Araboni (34), ha realizzato su rigore una delle due marcature alabardate

Christian Araboni (34), ha realizzato su rigore una delle due marcature alabardate

In una cornice di pubblico inusuale per una gara dilettantistica (curva Furlan gremita), la Triestina ha schierato una formazione rimaneggiata dalle assenze, su tutte quella di Franciosi. Ciò nonostante, l’inizio dei padroni di casa è stato confortante, con una serie di calci piazzati che hanno costretto gli avversari all’interno della propria area. La supremazia della Triestina si concretizza al minuto 29. Sangiovanni imbecca Cipracca, la cui conclusione è “parata” da Ennemoser, attaccante ospite, e costringe il signor Capelli di Bergamo a decretare il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Araboni che realizza con freddezza. Il St. Martin, costretto alla rimonta, alza i ritmi alla gara e produce alcune buone palle-gol a cavallo fra i due tempi. La reazione degli ospiti è premiata al 16′, quando il direttore di gara è costretto ad assegnare il secondo penality di giornata, questa volta a favore degli altoatesini. La conclusione chirurgica di Daniel Lanthaller riporta il risultato in parità. Con l’acqua alla gola, la Triestina trova le forze per rialzarsi, e si riporta in vantaggio quando il cronometro segna il 27′ della ripresa: l’assist è di Da Ros, che disegna un arcobaleno che si spegna ai piedi di Cardin che batte con il mancino il numero 1 avversario Schwarz. L’ultima occasioni per i giuliani capita al terzo minuto di recupero sulla testa di Piscopo, che però non inquadra la porta.

La gara, non molto spettacolare, si conclude con la meritata vittoria della Triestina, che tuttavia denota ancora alcune lacune in entrambe le fasi di gioco. Affianco alla gioia per la vittoria, serpeggia tra i tifosi alabardati la preoccupazione per aver visto quanta fatica sia servita a Del Mestre&Co. per superare, con un punteggio risicato, un avversario di non grande valore. L’augurio è che, come presumibile, la condizione degli alabardati possa migliorare di partita in partita, crescendo assieme alle speranze di acciuffare l’agognata Serie D. Servirà qualcosa di più, infatti, domenica prossima, nella gara di ritorno che si disputerà in Trentino-Alto Adige. Chi ne uscirà vincitore, andrà a giocarsi tutte le proprie chance nella finalissima play-off.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:15:04+00:00 27/05/2013|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author: