Proia non basta, la Triestina non sa più vincere

L’Unione Triestina 2012 deve ancora rimandare l’appuntamento con la prima vittoria stagionale. Sul difficile campo dell’USD Dro, i ragazzi di mister Ferazzoli hanno sprecato una ghiotta occasione per fare un bel balzo in avanti in classifica e far respirare l’ambiente alabardato, sempre più impaurito dallo spettro dell’Eccellenza.

L’Unione scende in campo con il lutto al braccio per ricordare l’ex attaccante alabardato Aurelio Milani, scomparso lunedì all’età di 80 anni. Il match non decolla e la paura frena le folate offensive delle due squadre, più impegnate a difendersi, che ad imbastire trame di gioco. Ad osare di più è la Triestina, che grazie ad una giocata del classe ’93 Proia manda in estasi i tifosi giunti allo stadio Oltra. La gioia del gol dura solo pochi minuti, perché l’ennesima disattenzione difensiva costa caro agli ospiti, che subiscono la rete del pareggio firmata da Ciurletti, abile ad infilare con un diagonale Di Piero. Al termine della prima frazione di gioco, sotto la guida del Sig. Mauro Cusanno della sezione di Chiavasso, il risultato è fermo sull’1-1. La ripresa non regala spunti interessanti, ma solamente pensieri e paure. Dopo il triplice fischio, la Triestina può “festeggiare” il sesto pareggio in campionato, mentre la Dro mantiene a cinque lunghezze di distanza la diretta rivale per la salvezza.

La prossima sfida, il derby del Friuli Venezia Giulia, andrà in scena allo stadio Nereo Rocco, con il pubblico di Trieste pronto ad affiancare e sostenere la squadra. L’avversario di giornata sarà il Tamai, una buona vittima per rialzare la testa e gioire dei primi tre punti.

Davide Cavalca e Simone Zompicchiatti

Commenti Facebook
By | 2014-12-01T09:55:39+00:00 01/12/2014|Categories: Magazine, Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Studente di Scienze della comunicazione, 24 anni, preparatore dei portieri del San Vito al Torre e istruttore di scuola calcio CONI FIGC. Ho un passato da articolista e editorialista per TuttoUdinese.it. Ritengo che lo sport sia fatto di passioni e emozioni che vale sempre la pena raccontare.