Quando la cena diventa social

Come si suol dire: chi non mangia in compagnia è un ladro o una spia. Una nuova app per il tuo computer, e soprattutto per il tuo smartphone, è stata recentemente creata proprio per evitare l’aura di sospetto che cala minacciosa sopra un commensale solitario.

Una cena organizzata da Ploonge a Berlino.

E’ arrivata Ploonge, una nuova applicazione, il cui slogan è l’esplicita frase “meet new people dining”, che permette di trovare e organizzare grandi cene tra amici o, per meglio dire, tra futuri amici, così da tuffarsi nella conoscenza di persone di ogni età e provenienza (plunge in inglese significa, appunto, “immergersi”).
Questo strumento trova i suoi natali da menti italiani, per la precisione quelle di Giorgio Bertolini, Alessandro Coscia, Claudio Venturini e Roberto Gallizia, i quali sono riusciti a creare un mezzo efficace e veloce per permettere a persone, club, ristoranti etc, di organizzare e partecipare ad incontri culinari, al fine di farsi conoscere e conoscere individui da tutto il mondo.
Ad esempio, vi trovate a Parigi per lavoro, da soli, e durante la pausa pranzo non sapete cosa fare o dove andare? Con un semplice clic su Ploonge potrete trovare gli appuntamenti di quel giorno, acquistare il coupon e recarvi così all’incontro, dandovi la possibilità di vedere e conoscere gente potenzialmente ploonge interessante.

L’idea è nata quando Giorgio Bartolini, venticinquenne, laureato a Milano, ulteriori studi portati avanti a Bristol, durante un viaggio di lavoro si è ritrovato a Mosca a mangiare da solo, rendendosi conto di come stesse sprecando l’occasione di fare nuove conoscenze.
L’applicazione inizialmente era stata circoscritta all’Italia, ma con l’andare del tempo ha preso sempre più piede, sino ad attecchire positivamente a Berlino, dove Ploonge è stata presentata alla Social Media Week. Sempre più persone ed enti sembrano interessati a questo “biglietto da visita” da smartphone, tanto che il gruppo di ragazzi che le sta dietro ha recentemente ricevuto finanziamenti pari a trecentomila euro dal fondo di investimenti milanese Microcap Italian Holding.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:42:22+00:00 07/01/2013|Categories: Giovani e società, Mondo|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.