Ripartono i viaggi nel tempo promossi dall’Associazione èStoria di Gorizia

La prima tappa del viaggio di èStoriabus sarà a Caporetto, per visitare il luogo della disfatta dell’esercito italiano.

Sarà un percorso guidato attraverso i luoghi-simbolo della Grande Guerra, di cui nel 2014 ricorrerà il centenario, quello offerto a partire da ottobre 2013 da èStoriabus, il pullman storico-turistico che permette di viaggiare nel tempo e nella storia attraverso itinerari culturali di grande fascino. L’iniziativa, realizzata dall’Associazione culturale èStoria – che organizza anche il Festival internazionale della storia di Gorizia – in collaborazione con APT, promossa dalla Provincia di Gorizia, dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dall’UPI con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, dal 2007 si è radicata raccogliendo consensi e crescente interesse tra gli appassionati di tutte le età.

Parte del progetto Carso 2014+, promosso dalla Provincia di Gorizia, èStoriabus proporrà in questa sua settima edizione dieci percorsi storico-culturali attraverso i luoghi della Prima Guerra Mondiale, per ricordarne, cent’anni dopo, battaglie e accadimenti che segnarono indelebilmente la nostra memoria collettiva. I primi tre percorsi si svolgeranno nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2013 attraverso tre tappe distinte che andranno a toccare tutte le province della Regione Friuli Venezia Giulia e la vicina Slovenia, dedicate a La disfatta di Caporetto, Guerra sul Carso e La Battaglia sul Tagliamento.

Dal luogo della più grande disfatta nella storia dell’esercito italiano alle zone in cui imperversarono gli scontri con le truppe austro-ungariche, i primi tre itinerari di èStoriabus si snoderanno dal Museo e l’Ossario italiano di Caporetto all’inespugnabile fortezza del Monte Hermada, da Doberdò del Lago al Museo della Grande Guerra di Ragogna, ripercorrendo attraverso i preziosi racconti degli storici che accompagneranno i visitatori in questo percorso gli eventi che lasciarono un segno indelebile nella storia.

Il primo percorso “Caporetto: una battaglia divenuta mito”per quest’anno di commemorazione storica

Una foto del bus che fungerà da macchina del tempo.

esplorerà, il 26 ottobre con partenza alle ore 9 dalla fermata dell’autobus di Corso Verdi 12, i luoghi della battaglia, lungo la valle dell’Isonzo fino al luogo-simbolo di Caporetto, teatro della pesante sconfitta subita il 24 ottobre 1917 dall’esercito italiano ad opera di quello austro-ungarico, agli ordini del generale tedesco Otto von Below. L’evento e gli episodi ad esso correlati, che segnarono significativamente la storia del nostro Paese, saranno ripercorsi e analizzati dal commento di Pierluigi Lodi, storico e autore di una notevole serie di contributi sulla Grande Guerra.
Informazioni e prenotazioni saranno possibili a partire da mercoledì 16 ottobre 2013 presso l’Associazione culturale èStoria di Gorizia fino a esaurimento dei posti disponibili.

 

Commenti Facebook

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.