Ritorna Mondovisioni

Come ogni anno fa tappa anche a Udine il tour italiano di Mondovisioni, la rassegna di 8 documentari selezionati da Cineagenzia per Internazionale dai migliori festival di tutto il mondo.  Otto storie diverse, per entrare nel vivo di questioni fortemente legate all’attualità, alla politica, ai diritti umani e al mondo dei media. Il ciclo di proiezioni viene presentato dal CEC quest’anno insieme a vicino/lontano, da mercoledì primo aprile fino a mercoledì 6 maggio, al Cinema Visionario. Gli appuntamenti vanno quasi  a scandire il conto alla rovescia verso l’XI edizione del festival vicino/lontano, in programma dal 7 al 10 maggio a Udine con la consegna del premio Terzani 2015. L’attenzione alle storie piccole e grandi del mondo, alle questioni del nostro tempo nelle quali si riverbera la storia con la esse maiuscola è del resto parte integrante del dna di vicino/lontano, che farà dell’ultima proiezione del ciclo uno degli eventi di apertura del programma 2015.

Si riparte mercoledì 1 aprile, alle ore 20, con Point And Shoot, di Marshall Curry, la storia di un inarrestabile film maker intrappolato nelle maglie della rivoluzione libica. Mercoledì 8 il tema sarà l’immigrazione, con Documented del giornalista premio Pulitzer Jose Antonio Vargas e Days Of Hope della danese Ditte Haarløv Johnsen. In calendario mercoledì 15 aprile, Concerning Violence di Göran Hugo Olsson e Hope on the Line di Alexandre Papanicolaou e Emilie Yannoukou. Mercoledì 22 aprile riflettori su #Chicagogirl – The social network takes on a dictator di Joe Piscatella e Marmato di Mark Grieco. Mercoledì 6 maggio chiuderà la rassegna, aprendo la sezione VL/Digital del festival vicino/lontano, The Internet’s own boy: the story of Aaron Swartz di Brian Knappenberger.

Commenti Facebook
By | 2015-03-31T12:10:47+00:00 31/03/2015|Categories: Magazine|Tags: , , , |0 Comments

About the Author: