Robe de mati al Silvio Pellico

Una studentessa fuoricorso ed una zia venuta in visita senza preavviso dalle campagne istriane: come poter nascondere il fatto di non essersi ancora laureata? A questo problema che ad alcuni studenti può risultare familiare, La Compagnia dei Giovani fornisce una soluzione piuttosto brillante: fingersi una psichiatra titolata, trasformare l’appartamento in cui vive in una clinica e far passare i propri coinquilini per matti. Un’impresa che non sembra affatto facile ma che senz’altro riuscirà a divertire in quella che risulta essere una vera e propria commedia degli equivoci. “Robe de Mati” debutta il 20 febbraio alle 20.30 al teatro Silvio Pellico, in replica fino al 1 marzo. Lo spettacolo, tutto in dialetto triestino, è stato ideato e scritto da Agostino Tommasi, con la regia di Julian Sgherla. La Compagnia dei Giovani ha scelto di mettere lo studente universitario soggetto dell’intera serata, sul palcoscenico certo, ma anche fuori: a partire dalla collaborazione con Radioincorso, il cast di Robe de mati ha pensato di offrire a chi si presenterà con il libretto universitario, non solo uno sconto sul biglietto ma anche un buonissimo spritz omaggio. (Qui tutte le info)

Commenti Facebook
By | 2015-02-23T13:15:45+00:00 19/02/2015|Categories: Magazine|Tags: , |0 Comments

About the Author:

radioincorso
La web radio degli studenti dell'Università di Trieste. Collabora anche tu!