Scoperto come ottenere carburante dalla CO2

Trasformare la CO2 in carburante vorrebbe dire risolvere due problemi con un unica soluzione. E proprio questo è il risultato a cui sta mirando la Liquid Light, una società del New Jersey, che punta ad utilizzare l’anidride carbonica atmosferica come materia di partenza per la produzione industriale di combustibile.

Il procedimento prevede che la CO2 venga introdotta in una camera piena d’acqua in cui sono presenti un elettrodo di platino e un catalizzatore a base di piridinio. In seguito, una reazione chimica innescata dai fotoni emessi da una luce a LED, fa viaggiare gli elettroni del semiconduttore nell’acqua circostante e, grazie al catalizzatore, raggiungere le molecole di CO2, che si legano all’idrogeno diventando metanolo, che può appunto essere utilizzato come combustibile, come solvente industriale o anche come materiale di partenza per la produzione di altri prodotti chimici.

Andrew Bocarsly

La società che ha scoperto questo processo è stata fondata da Andrew Bocarsly, ex professore della Princeton University, che ha coinvolto nel progetto anche il dottore di ricerca Emily Cole. Entrambi sostengono che non sarebbe stato possibile sviluppare questa tecnologia in ambito accademico. Il Professor Bocarsly ha infatti affermato: “Abbiamo fatto alcune scoperte che non sarebbero stati effettuati in un ambiente universitario. Il progetto risale agli anni Novanta , ma nessuno si preoccupava di anidride carbonica in quel momento.”

Adesso gli scienziati della Liquid Light stanno cercando di rimuovere gli ostacoli pratici che ancora impediscono ai risultati di laboratorio di trovare facile applicazione commerciale, e vorrebbero inoltre riuscire ad alimentare il processo di trasformazione della CO2 con energia rinnovabile.

Commenti Facebook
By | 2012-06-19T15:40:35+00:00 19/06/2012|Categories: Scienza&Ricerca|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa