Sinfonia d’autunno al Rossetti

Anna Maria Guarnieri è protagonista di Sinfonia d’autunno, lo spettacolo che va in scena al Politeama Rossetti da mercoledì 18 a domenica 22 febbraio. Nasce per il palcoscenico, nel 1976, Sinfonia d’Autunno, dramma psicologico e familiare di Ingmar Bergman: due anni dopo diventa sul grande schermo un suo capolavoro, girato in Norvegia. La pièce ritrova ora la via del teatro grazie a un maestro della regia, come Gabriele Lavia. Sinfonia d’Autunno è costruito da tanti “assolo”: sono quelli dei personaggi condannati a non riuscire a comunicare fino infondo, a non risolvere mai i loro nodi, i sensi di colpa reciproci, a non poter non sentirsi esclusi.  «Un sentimento comune ai “teatranti”, riflette Lavia, comune a quegli strani esseri umani che si espongono, che sono sul palcoscenico. Hanno una sola possibilità d’essere: esporsi. Non riescono a essere Padri o Madri. Mariti o Mogli. Non sono normali. Sono strani e sono condannati a quella che Bergman chiama la Solitudine Assoluta. Ma forse questa esclusione e questa Solitudine Assoluta è la maledizione comune della nostra epoca».

Commenti Facebook
By | 2015-02-18T10:07:30+00:00 18/02/2015|Categories: Magazine|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Da sempre ho manifestato una forte propensione per la scrittura, una passione che mi ha portato ad iscrivermi al corso di laurea in scienze della comunicazione, in vista di una futura specializzazione nel ramo giornalistico. Appassionata di moda, sogno di scrivere per un’importante rivista.