Skillbros, l’eBay della conoscenza

“Un’eBay della conoscenza”, è così che Davide Neve, founder di Skillbros, definisce questa startup che altro non è se non un marketplace della conoscenza. Un altro passo avanti per superare la crisi permettendo a ognuno di noi di guadagnare da quello che sappiamo o sappiamo fare. Come? Consentendo a chiunque di organizzare corsi in luoghi fisici raccogliendo on line la gente che vuole seguire le lezioni proposte.

Skilbros è un progetto in continua evoluzione, che permette di organizzare corsi  in spazi di coworking ed online.

Potreste pensare che non sia nulla di innovativo, ma solo una copia del già noto Oilproject, ma qui vi sbagliate. Mentre Oilproject è una piattaforma gratuita dedicata a lezioni liceali, senza prevedere incontri al di fuori del web, Skillbros si sta focalizzando su Web, digitale e marketing attraverso corsi a pagamento. All’inizio le categorie presenti erano di più, ma in seguito i gestori del sito hanno fatto una scelta sulla base dei feedback degli utenti. Un progetto in continua evoluzione che prevede a breve la realizzazione anche di corsi online tramite streaming. Un’idea che riprende le piattaforme straniere Floqq,  Skillshare o Coursera, per citare i più imporanti. In quanto a realtà italiane però non si trovano altri siti che pianificano corsi, ma solamente le così dette vetrine. «Tutti i Paesi stanno investendo sul settore dell’education che è destinato a crescere perché l’università non è in grado di offrire una formazione adeguata al passo del web» ha affermato uno dei fondatori, che prosegue «Ci stiamo muovendo lentamente per evitare che università e mondo della formazione ci chiudano le porte, invece noi vorremmo essere un collettore».

Lanciato in beta privata nel maggio 2012, la startup è stata successivamente incubata all’interno di Officine Formative di Intesa San Paolo. A gennaio è partita la beta pubblica: da allora sono state vendute 600 lezioni in totale e organizzate otto classi al mese in media da un centinaio di docenti. Gli iscritti sono tremila e il servizio è ancora incentrato su Milano, anche se qualche lezione si è già tenuta altrove, diffondendosi a Roma e Padova. «Il prossimo obiettivo è crescere portando le nostre lezioni negli spazi di coworking che stanno nascendo in giro per l’Italia» ha spiegato Neve, co-fondatore della startup insieme a Massimo Lazzaroni, Ermanno Gnutti e Alessandro Martinengo.

Se cercate corsi di vario genere, ad un costo contenuto, in cui potete visualizzare in anticipo il profilo del docente ed i feedback ricevuti da parte degli utenti, proprio come su eBay, avete trovato un altro sito da aggiungere ai preferiti.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:41:50+00:00 02/08/2013|Categories: Giovani e società, Università|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa