S/paesati continua all’insegna della Croazia

Continua la rassegna S\paesati con un appuntamento come sempre molto attuale. Infatti in questi giorni in Croazia e’ stato raggiunto il quorum per il referendum costituzionale relativo alla questione delle nozze fra omosessuali.

Martedì 12 novembre al  Teatro Stabile Sloveno  alle 19.00, la proiezione di  Family Meals  di Dana Budisavljević Croazia 2012, in lingua originale sottotitolato in inglese. Maria Ginaldi (Circolo Arcobaleno Arcigay e Arcilesbica)  presenterà  il documentario, a seguire il dibattito con la regista. Documentario rivelazione  del Balkan Florence Express, il festival dedicato al cinema del sud est Europa recentemente svoltosi a Firenze. Dana Budisavljević, autrice di Family meals, racconta se stessa e la società croata attraverso la lente del desco famigliare. Tagliare il pane, sbucciare le patate, sbattere le uova, compiere i gesti risoluti che occorrono alla preparazione di un buon pranzo. Sedersi a tavola, rilassarsi, e provare a far in modo che anche la propria storia, insieme a quella difficile della Croazia dei primi anni Novanta, venga raccontata e rivisitata come una ricetta. La  Budisavljević, regista e protagonista del film Family Meals/Nije ti život pjesma Havaja,  invita a far da spettatori ai suoi pranzi di famiglia. Chiede spiegazioni alla madre, al padre, al fratello dell’accoglienza rabbiosa, indifferente o muta alla notizia della sua omosessualità. Il cibo fa da veicolo comunicativo eccellente, le ricette, in cui non mancano emozione ed ironia, diventano quasi incantesimi che sciolgono la tensione, e la propria vita si fa organo che accoglie, si nutre, e metabolizza le parole dette, e i gesti compiuti in passato, con naturalezza. Un film che seduce per la sua profonda intimità, facendo della videocamera un varco attraversato da gioie e amarezze condivise come un buon piatto di minestra, condito.

Giovedì 14 novembre sempre alle 18.00,  il secondo appuntamento dedicato al filone Croazia questa volta alla Stazione Rogers, con la presentazione di CROAZIA. STORIA NAZIONALE E VOCAZIONE EUROPEA.  Un incontro con l’editore Piero Budinich (BeitEdizioni), il giornalista Pierluigi Sabatti e la sociologa Melita Richiter. Attraverso le sue pagine Ludwig Steindorff racconta il passaggio da provincia romana ad avamposto bizantino, da banato ungherese a stato croato indipendente Il popolo croato, affacciato sull’Adriatico, ma radicato in una tradizione continentale che lo avvicina storicamente più all’entroterra ungherese che al settentrione sloveno e di lingua tedesca, si è ritrovato per secoli a difendere un’identità cattolica al crocevia di uno scontro di nazionalità e fedi differenti, tra la grande Serbia ortodossa e il vicino Impero Ottomano. Oggi la Croazia, prima a proclamarsi fedele all’Impero Asburgico (1527) e poi a rivendicare l’autonomia della nazione croata nel conflitto delle nazionalità che portò al crollo dell’Austria-Ungheria, si interroga sulla sua nuova identità che la vede vicina all’Europa ma fieramente consapevole di una storia nazionale secolare. Un excursus storico per conoscere meglio un paese vicino dell’Italia e membro dell’Unione Europea.

Commenti Facebook
By | 2013-11-11T12:50:32+00:00 11/11/2013|Categories: Magazine|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Enrico Matzeu
Direttore artistico di Taglia Corti. Scrive di moda, costume, design e tv per molte testate on-line e commenta la televisione ogni sabato su Rai Tre a TvTalk.