Successo per una Trieste colorata di varie culture

Uno dei gruppi di danza tradizionale

Si è conclusa la seconda edizione della manifestazione “Trieste mosaico di culture” durante la quale sono state coinvolte attivamente le Comunità storiche presenti nella città. Trieste è infatti da sempre conosciuta come crocevia di diverse lingue, civiltà, religioni, ed è per questo che Aciesse Confesercenti ha deciso di riproporre l’evento con la stessa formula che ha riscosso molto successo già nella passata edizione. Per ogni giornata sono state organizzate visite guidate gratuite nel centro storico e nei diversi luoghi di culto, spettacoli musicali e folkloristici a ingresso libero, degustazioni e cene a tema con balli in costume tradizionale. Dalla giornata di inizio della manifestazione sono state svariate le culture a cui è stato dato spazio, a partire da quella africana, che venerdì 25 maggio ha promosso a livello nazionale la Giornata dell’Africa, seguita in serata da un unione di usanze greco-orientali e dalla tipica serata austriaca.

Gruppo serbo "Pontes Mostovi"

Ricordiamo in particolare la giornata di martedì, durante cui è stato dato spazio alla cultura ebraica, con la visita alla Sinagoga di via San Francesco, alla cultura serba dedicando la serata a danze folkloristiche, in Piazza Vittorio Veneto, e a quella greca attraverso la cena al Ristorante Filoxenia di Via Mazzini con una Serata tradizionale con cena greca, musica e balli tradizionali in costume a cura della Comunità Greca di Trieste. La serata di chiusura di oggi prevede invece la cerimonia conclusiva dalle ore 19.00 in Piazza Vittorio Veneto, con uno spettacolo a sorpresa seguito, dalle ore 20.00, presso l’Eppinger Caffè di Via Dante, da una serata tradizionale russa con cena e musiche tradizionali russe a cura del Gruppo Rodnik di Trieste.

Importante è stata anche la risposta di turisti e cittadini in questa seconda edizione, si tratta infatti di un evento dal carattere molto particolare, che probabilmente non avrebbe ottenuto lo stesso successo in altre città con storie differenti. In occasione di “Trieste mosaico di culture” sono state organizzate anche visite presso la basilica paleocristiana di Via Madonna del Mare 11, eccezionalmente aperta ancora nella giornata di martedì 29 maggio, grazie al coinvolgimento diretto della Soprintendenza ai Beni e alle Attività Culturali – Archeologiche del Friuli Venezia Giulia.on cena e musiche tradizionali russe a cura del Gruppo Rodnik di Trieste.

L’intero evento è stato promosso dall’Aciesse Confesercenti di Trieste in co-organizzazione con il Comune di Trieste, con il patrocinio della Provincia di Trieste, il contributo della Regione Autonoma FVG-Assessorato alle Attività Produttive e con l’adesione della Soprintendenza ai Beni e le Attività culturali-archeologiche del Friuli Venezia Giulia.

Commenti Facebook
By | 2012-06-01T10:28:29+00:00 01/06/2012|Categories: Magazine|Tags: , , , , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa