#SulPezzo – Facebook non è in declino

La notizia. «Facebook è come un virus: perderà l’80% degli utenti nei prossimi tre anni». È questa la notizia che pochi giorni fa ci è stata comunicata da importanti testate giornalistiche come Repubblica, Internazionale e La Stampa. Ovviamente ha degnato molto scalpore, ma forse non è da prendere propriamente per vera. Vediamo perché.

Il grafico che mostra il calo del 3% degli utenti presenti su Facebook. Ma le prospettive dei prossimi tre anni non sono così catastrofiche (GlobalWebIndex)

Chi l’ha detto. Innanzitutto, questa constatazione deriva da uno studio della Princeton University, secondo il quale la creatura di Mark Zuckerberg starebbe vivendo un leggero calo prima del definitivo declino. Negli ultimi 365 giorni, infatti, la parola “facebook” sarebbe stata ricercata su Google in quantità leggermente minori rispetto al passato. A questo si aggiunge che è stato registrato un effettivo calo del 3% di utenti. I paragoni hanno subito cominciato a fioccare, andando a pescare per forza di cose l’esempio di MySpace, social network che ebbe il suo picco di successo nel 2007, ma che dopo l’avvento di Facebook è stato ben che dimenticato.

La smentita. Tuttavia, sono bastate poche ore per smentire quasi completamente queste ipotesi. Un report della GlobalWebIndex ha infatti ribadito come Facebook sia ancora radicalmente il social network più utilizzato. Quel calo di cui si parla potrebbe essere dovuto al fatto che l’invenzione di Zuckerberg sia diventata talmente popolare a tal punto che non serve più cercarlo su Google (come scritto su Wired).

La realtà. I più giovani, inoltre, utilizzano frequentemente le app di Facebook, presenti come ben sappiamo sugli smartphone. Ma allo stesso tempo, negli ultimi anni sono nati ulteriori piattaforme, una su tutti Instagram, cioè quella che sta crescendo di più in termini di utenza. Un obiettivo calo delle presenze di Facebook ci può quindi stare, soprattutto in termini di ricerca su Google. Anche perché Instagram è di proprietà dello stesso Zuckerberg, il quale difficilmente si starà in questo momento preoccupando.

Commenti Facebook
By | 2014-01-28T11:41:54+00:00 28/01/2014|Categories: Mondo, Tecnologie|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Simone Firmani
Ho 25 anni, una laurea specialistica in Scienze Politiche e sono giornalista pubblicista. Seguo l'evoluzione dell’informazione multimediale, ho una passione morbosa per il punk rock, un passato da cestista e un futuro ancora tutto da scrivere. Il presente? È qui, su Radioincorso.it.