Gli Erasmus sono sempre di più

Il punto. Sarà la curiosità di scoprire nuove realtà, sarà il grande passaparola, sarà perché la crisi economica richiede sempre maggiori competenze, fatto sta che il numero degli studenti determinati a intraprendere un’esperienza di studio all’estero, nello specifico l’ERASMUS, aumenta di anno in anno.

La ricerca. La conferma arriva dall’ultimo report della Commissione Europea, secondo il quale sarebbero stati quasi 270 mila i ragazzi possessori di una borsa Erasmus nell’anno accademico 2012/2013, 79% per motivi di studio, 21% partecipanti alla sezione Job Placement, cioè un’opportunità di lavoro presso un’azienda dell’Unione Europea.

Il grafico che dimostra il costante aumento degli studenti erasmus negli ultimi anni

L’aumento è evidente se si considera che nell’anno precedente (a.a. 2011/2012) i partecipanti erano circa 253 mila, e che dal 2007/2008 il numero è aumentato in percentuale del 31,9%. Dal 1987, anno di nascita dell’iniziativa gli studenti mobilitati sono stati 3 milioni (escluso però l’ultimo anno ancora in fase di svolgimento).

La Spagna risulta la meta più ambita, seguita da Germania, Francia, Regno Unito e Italia. L’ultimo paese di questa classifica risulta invece il Liechtenstein con appena 62 studenti ricevuti nell’ultimo anno.

Nuove ambizioni. Infine c’è da sottolineare come gli obiettivi dell’Erasmus (ora Erasmus+) sono ambiziosi: i finanziamenti previsti per i prossimi sette anni (2014-2020) saranno messi a disposizione per 4 milioni di persone, e per 135 mila studenti che vorranno svolgere degli scambi con paesi extra europei. I fondi si aggirano attorno ai 15 miliardi di euro, 40% in più rispetto al periodo precedente.

Commenti Facebook
By | 2017-04-04T20:22:38+00:00 15/07/2014|Categories: Politica|Tags: , , , , , |0 Comments

About the Author:

Simone Firmani
Ho 25 anni, una laurea specialistica in Scienze Politiche e sono giornalista pubblicista. Seguo l'evoluzione dell’informazione multimediale, ho una passione morbosa per il punk rock, un passato da cestista e un futuro ancora tutto da scrivere. Il presente? È qui, su Radioincorso.it.