Talent Italy: il concorso a premi per studenti e creativi

Ispirato a progetti già sperimentati in Nord America e nel resto d’Europa, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca propone in Italia un progetto atto a risollevare i numerosi ambiti dell’innovazione: il Made in Italy, l’istruzione, l’energia. Tutto ciò facendo affidamento su giovani studenti, ricercatori o semplicemente creativi provenienti da tutta Italia. Si chiama Challenge Prize e nel nostro Paese è partito pochi giorni fa in via sperimentale grazie all’apertura del sito www.talentitaly.it, sito che raccoglie tutte le sfide o Challenge Prizes proposte dal Miur.

“Sviluppo di MOOC per Scuole e Università italiane” è il nome completo della prima sfida proposta dal Miur

Alla base dei Challenge Prize c’è una logica totalmente ribaltata rispetto a quella dei classici concorsi. Ovvero, ad essere premiate non saranno semplicemente le idee, ma i risultati ottenuti da progetti già collaudati e sperimentati.

La prima sfida proposta da Talent Italy è quella volta a promuovere l’istruzione, in particolare l’Open Education, attraverso la creazione di MOOC (Massive Online Open Courses), dei corsi online aperti a tutti e fruibili attraverso Internet. Grazie alla diffusione della rete e dei dispositivi tecnologici, i MOOC danno la possibilità a chiunque di poter apprendere da autodidatta, senza la necessità di presenza in aula.

I lavori dovranno essere presentati entro il 3 aprile prossimo e verranno valutati in due fasi: una preselezione effettuata da una giuria di esperti nominata dal Miur. Una seconda selezione prevede il miglioramento e la diffusione del MOOC. Il primo classificato si aggiudicherà 100.000 euro, 20.000 euro ciascuno andranno invece ai successivi tre classificati.

Per ulteriori informazioni e modalità di iscrizione al Challenge Prize clicca qui.

[Immagine di copertina: www.alphachimpu.com]

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:41:33+00:00 27/02/2014|Categories: Giovani e società, Magazine, Università|Tags: , , |0 Comments

About the Author: