Tamai e Triestina non si fanno male. Al Comunale è 1-1

Con sole tre giornate al termine del campionato, il finale di stagione della Triestina si annuncia infuocato e ricco di insidie che potrebbero pregiudicare il piazzamento per la fase play-out della squadra di Gagliardi.

Il match di cartello della trentunesima giornata del campionato di Serie D è il derby regionale tra Tamai e Unione Triestina. Mister Gagliardi decide di schierare un 4-3-3 offensivo, con Manzo, Milicevic e Rocco a comporre il tridente alabardato. Nonostante il peso dell’attacco ospite, la prima folata offensiva da parte del Tamai è già decisiva. Al 6′, Furlan scodella in mezzo un pallone che Zambon è lesto a insaccare alle spalle di Di Piero, incolpevole nell’occasione. Pochi minuti più tardi è Dal Bianco a sfiorare la rete, ma il tiro termina di poco a lato dal palo. La Triestina trova la reazione solo al 43′, quando Milicevic manca l’appuntamento con il gol per una questione di centimetri. Nella ripresa l’Unione parte subito forte, confezionando la prima palla gol al 7′ con Rocco, che fallisce un calcio di rigore in movimento. Il Tamai chiude bene gli spazi, mentre gli ospiti controllano il possesso palla con un buon palleggio. Al 24′, Manzo sblocca l’inerzia del match, con un missile terra-aria che termina la sua corsa all’incrocio dei pali. Nel finale i pericoli più grandi arrivano dalle furie rosse, più volte vicine al gol del K.O. Ma alla fine è 1-1.

Nella prossima gara l’Unione giocherà contro il Mori Santo Stefano, con l’obiettivo di agguantare la miglior posizione possibile nella lotta ai play-out.

 

 

 

Davide Cavalca e Simone Zompicchiatti

Commenti Facebook
By | 2015-04-19T20:15:32+00:00 19/04/2015|Categories: Magazine, Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Studente di Scienze della comunicazione, 24 anni, preparatore dei portieri del San Vito al Torre e istruttore di scuola calcio CONI FIGC. Ho un passato da articolista e editorialista per TuttoUdinese.it. Ritengo che lo sport sia fatto di passioni e emozioni che vale sempre la pena raccontare.