On Air

Current track
Title
Artist

Current show

Current show


Tattoo is the new black – l’International Trieste Tattoo Expo fa il boom di visitatori

Written by on 20 novembre 2018

L’International Trieste Tattoo Expo, giunto ormai alla sua undicesima edizione, ha trasformato Trieste nel centro nevralgico del tatuaggio; la manifestazione, ospite dal 16 al 18 novembre al Salone degli Incanti, ha superato ogni aspettativa grazie anche alla co-organizzazione con il Comune di Trieste.
Duecento tatuatori, provenienti da tutto il mondo, hanno esposto i loro book in cui disegni e stampi si alternavano alle fotografie dei lavori completati, tre giornate di kermesse in cui inchiostro e altre discipline artistiche si sono incontrate per stupire i 16000 visitatori intervenuti.
Sono stati tantissimi gli stili proposti: l’amatissimo traditional, il realistico, forme stilizzate, tribali, cartoon, acqua colors e riproduzioni di statue e dipinti.

Proprio questa larga offerta ha fatto sudare non poco i giudici che, nei vari contest tematici, avevano a disposizione solamente pochi minuti per osservare più dettagli possibili e per dare un punteggio decretando così i tatuaggi vincitori.
Sul palco ad intrattenere il numeroso pubblico l’ex attrice pornografica Elena Grimaldi e il conduttore radiofonico Andrea Rock intervallati da dj set dai toni accattivanti.

I contest proposti durante le tre giornate sono stati: “Best of Friday”, “Best Black Work”(ornamental tribal), “Best Color”, “Best of Saturday”, “Best Realistic”, “Best Black and Gray”, “Best Traditional”, “Best of the Show” ovvero il miglior tatuaggio iniziato e finito durante la manifestazione; dei veri e propri capolavori che hanno richiesto parecchie ore di lavoro sia per le dimensioni che per i dettagli accurati e le sfumature.
Alle competizioni si sono alternate numerose altre performance fra cui body painting by Massso, discipline circensi del D U O Ma’Mè Circus, percussioni e danze africane di Gianni Lauvergnac & Doundoum Dance Ensemble e infine break dance della scuola Alister Dance All-Star.

Oltre ai tatuatori, impegnati fra decorazioni e informazioni, e ai visitatori, allo stesso modo impegnati a divertirsi e a godersi l’Expo, si potevano osservare numerosi stand riservati all’oggettistica: ampia l’offerta di piercing per tipologie, forme, colori e materiali, abbigliamento gotico e fetish, magliette, borse e body per neonati con stampe tattoo, zaini e polsiere in pelle e borchie, collane, bracciali, ciondoli, anelli ed orecchini in metallo dalle forme irriverenti, sex toys di design, colori e prodotti per la cura dei tatuaggi e, novità di questa edizione, i papillon e le cravatte in legno di produzione artigianale.

Fra i soggetti più gettonati per i tatuaggi maschili c’erano animali, miti di civiltà antiche, personaggi dei cartoni animati e del mondo sportivo mentre temi floreali e mandala erano i più richiesti dal pubblico femminile. Un ulteriore risvolto interessante è stato il pubblico di visitatori dell’International Trieste Tattoo Expo, a curiosare tra gli stand non solo addetti ai lavori ma persone di tutte le età: da ragazze dai capelli fluo, abbigliate per l’occasione con lolite gotiche, a madri di famiglia a caccia di accessori particolari per darsi un tocco “rock and roll”; dai neofiti del tatuaggio ai veterani con la voglia di restyling di un vecchio tattoo oppure alla ricerca di un metodo di rimozione senza troppi rischi; dai semplici curiosi a coloro che vogliono “addolcire” le proprie cicatrici con un disegno. Tutta questa molteplicità umana può far riflettere sul come e, soprattutto, sul perché i tatuaggi abbiano smesso di essere considerati solo un fenomeno estetico dettato dalla moda e siano invece percepiti sempre più come un mezzo con cui esprimere la propria personalità, quasi fossero il riflesso, visibile sulla pelle, di un qualcosa appartenente alla propria interiorità.

A questo proposito John Malkovich nel film Educazione Siberiana descrive in modo illuminante la figura del tatuatore: «Un tatuaggio non è semplicemente un disegno. Vedi, un tatuatore è come un confessore. Lui scrive la storia di un uomo sul suo corpo.»

Commenti Facebook