Terra di Confine alla Sala Bartoli

Daniele Salvo firma regia e drammaturgia di Terra di confine – Viaggio in terra d’Israele e Palestina da testi dell’intellettuale e scrittore israeliano Amos Oz. Lo spettacolo in scena alla Sala Bartoli dal 5 al 10 aprile è una riflessione quantomai attuale e necessaria sul fanatismo e sul compromesso: interpretato da Alfonso Veneroso, Elio D’Alessandro, Marco Imparato, Daniele Salvo è ospite del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia per la stagione altripercorsi.

«Uno spettacolo di impegno sociale molto forte» è lo stesso Daniele Salvo, che ne ha curato la drammaturgia e la regia, a definire così Terra di confine. Un momento di teatro di profonda attualità, una riflessione necessaria e dall’universalità lancinante, aggiungeremmo noi, davanti ai pensieri che lo percorrono: quelli del grande intellettuale e scrittore israeliano Amos Oz sul fanatismo. Fanatismo che mina la realtà israelo-palestinese da decenni, ma a cosa – se non a diversi tipi di fanatismo – sono da imputare tanti massacri del passato e, dolorosamente, quelli del presente, a cui sgomenti assistiamo anche sul suolo europeo?

Commenti Facebook
By | 2016-04-04T16:24:34+00:00 04/04/2016|Categories: Magazine|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Marta Zannoner
Prima o poi la troverò una frase accattivante da scrivere. Forse.