Torna TACT, il festival del teatro giovanile

Trieste è una città cosmopolita, in cui gli eventi musicali e cinematografici non mancano e i teatri sono piuttosto attivi, ma a mancare è la presenza di un polo di aggregazione per gli attori e gli appassionati di teatro. Entra così in gioco il TriesteACT Festival, la prima manifestazione interamente dedicata al teatro presente sul territorio dell’omonima provincia. L’ideazione e l’organizzazione dell’evento sono nelle mani del CUT (Centro Universitario Teatrale), supportato dalla Regione FVG, dal Comune di Trieste e dall’Università di Trieste.

1016247_887480424609298_5972288558365741469_n

Dopo il successo dello scorso anno, il TACT torna alla ricerca di “reclute” per la nuova edizione che si terrà dal 7 al 14 giugno 2015 presso il Teatro Stabile Sloveno, nuova location dell’evento. La formula è sempre la stessa: 11 compagnie provenienti da tutta Europa daranno vita a 5 giorni di workshop, spettacoli e conferenze ad entrata aperta e gratuita per tutti. Il programma prevede ogni mattina lo svolgimento di workshop tenuti dai registi di ciascuna compagnia, mentre tutte le sere due gruppi si esibiranno con i loro spettacoli dal sapore internazionale. Il bando per le compagnie teatrali, amatoriali e non, che desiderano partecipare è aperto fino al 22 dicembre ed è reperibile sul sito web del Centro Universitario Teatrale che, per i profani, è un’associazione studentesca universitaria che propone corsi teatrali gratuiti durante tutto l’anno, a vari livelli. Il suo scopo è di dare a tutti la possibilità di sperimentare l’arte teatrale, cercando soprattutto di formare spettatori consapevoli piuttosto che attori. Il TACT segue nei propositi queste stesse linee generali, innalzando Trieste a territorio di scambio tra culture e tradizioni teatrali.

Questa è, per ora, una piccola realtà che va sostenuta e alimentata perché una perla rara sul nostro territorio dove, come spesso accade , lo spazio per la cultura diventa sempre più stretto (vedi Trieste, ecco dove far rinascere la Casa delle Culture). L’appello è rivolto a tutti: ogni cittadino può, con la sua presenza, dare un forte contributo e dimostrare che l’arte e la cultura NON sono secondarie a nessuno.

Commenti Facebook
By | 2014-12-09T14:17:45+00:00 09/12/2014|Categories: Magazine|Tags: , , , , , |0 Comments

About the Author:

Studentessa non modello della Scuola per Interpreti e Traduttori di Trieste, ma originaria del profondo Sud. Sono appassionata delle più svariate forme d'arte che accordano o scordano (a seconda dei gusti) l'anima e faccio parte del team di Radioncorso.it dal 2013 in qualità di giornalista e speaker.