TRIBUTE – Speciale 1° Maggio – 02/05/17

Dopo una serie infinita di festività a base di grigliate all’aria aperta che hanno fatto saltare un paio di puntate, Tribute torna in onda in diretta in formato super tematico, con un Vincenzo in formissima (tonda, come le uova che ha divorato, burp!) che ha deciso di dedicare la puntata di oggi a tutti i lavoratori, dato che il concertone del 1° maggio l’ha lasciato piuttosto insoddisfatto quest’anno. In scaletta non possono certo mancare istituzioni della musica italiana di sinistra come Bandabardò e Modena City Ramblers, classici della musica tradizionale di protesta, esponenti del cantautorato colto di casa nostra (Jannacci, Gaber e Fo in primis) e grandissimi artisti sempre dalla parte dei più deboli come Caparezza. Vincenzo dedicherà anche un paio di minuti all’esegesi del testo di “Vieni a ballare in puglia”, troppo spesso sottovalutato nella sua valenza artistica e sociale, e ci farà scoprire come perfino er Piotta possa cantare la crisi ed ergersi a paladino dei lavoratori sfruttati. Come sempre non mancheranno grandi nomi internazionali, da John Lennon ai Green Day passando per Bruce Springsteen, e nemmeno il solito appuntamento con le songs in translation (stavolta in formato ridotto). Rispetto e pari diritti per tutti, ma per quanto riguarda la musica, ormai lo sappiamo, qui a Tribute si discrimina senza far sconti: #SomeSongsAreBiggerThanOthers!

Di seguito la scaletta completa della puntata:

  1. Contessa – Modena City Ramblers /Paolo Pietrangeli // The Spanish Cloak // The Old Main Drag – The Pogues
  2. O cara moglie – Giovanna Marini / Cisco
  3. Esegesi di: Vieni a ballare in Puglia– Caparezza
  4. Eroe – Caparezza
  5. Complesso del primo maggio – Elio e le storie tese
  6. Working class hero – John Lennon / Green Day
  7. Manifesto – Bandabardò
    —————————–
  8. L’operaio della FIAT – I figli unici / Rino Gaetano
  9. Pay me my Money Down – The Weavers / Bruce Springsteen
  10. Sempre allegri – Bandabardò // Ho visto un re – Enzo Jannaci & Cochi e Renato
  11. Chi non lavora – Adriano Celentano / Piotta
  12. Eurocontanti – Piotta
    SONGS IN TRANSLATION
  13. Pedro Pedreiro – Enzo Jannacci / Chico Buarque de Hollanda

 

Commenti Facebook

About the Author:

Traduttore (di Football Manager, ma anche di cose più serie), germanista, ex scout (ma "scout una volta, scout per sempre"), ama guidare l'auto ma anche spostarsi in bicicletta e fare trekking in montagna. Appassionato di astronomia, calcio, formula 1 e soprattutto di musica. Per radioincorso.it conduce Tribute, cura maniacalmente la scelta musicale dei programmi che lo vedono in conduzione, ha un debole per i programmi tematici e recensisce concerti, ma dei gruppi che piacciono a lui perché il suo motto è #SomeSongsAreBiggerThanOthers