"Trieste Next" sta per diventare realtà

Parlando di ricerca e innovazione scientifica, Trieste salta subito all’occhio come centro di eccellenza. Due università (l’Università degli Studi di Trieste e la SISSA) e oltre trenta istituti di ricerca fanno del capoluogo giuliano un polo scientifico di primo livello, sia su scala europea che globale. A confermarlo sono i dati sull’occupazione nel settore, che conta 35 ricercatori ogni 1000 occupati. L’importanza di questi numeri si coglie nel confronto con altre realtà, anche se più ampie. In Europa la media di ricercatori è di 5,7 ogni 1000 occupati, negli Stati Uniti 8,1 e in Giappone 9,1. Un primato su cui la città deve certamente puntare, sfruttando anche la sua posizione strategica di confine, che la pone al centro dell’Euroregione.
Con questi presupposti parte da quest’anno Trieste Next – Salone Europeo dell’Innovazione e della Ricerca Scientifica. L’obiettivo di questa iniziativa, a forte vocazione internazionale, è quello di mettere in rapporto diretto la ricerca e le imprese. Come si legge nella presentazione dell’evento, si tratta di un «”laboratorio” dove trovano spazio ricerca applicata e nuove tecnologie, idee concrete e soluzioni pratiche per accrescere il benessere delle comunità e la competitività delle aziende». Un ponte tra ricerca pura e ricerca applicata in grado di favorire lo scambio tra mondo accademico e sistema produttivo.
Il focus scelto per la prima edizione è “Save the Food”, incentrando quindi il programma degli eventi sul tema dell’alimentazione. Non sarà tuttavia l’unico argomento trattato, lasciando spazio a un ampio ventaglio di temi attuali come politiche per la ricerca, open access e scienza 2.0, psichiatria e salute mentale, cambiamenti climatici, donne e ricerca, editoria scientifica.
Altro impulso per dare il via a una manifestazione di cui a Trieste si sentiva il bisogno, e che si ripeterà a cadenza annuale, è la candidatura di Venezia Nordest Capitale Europea della Cultura 2019. Il capoluogo giuliano è infatti coinvolto in questa sfida, insieme ai territori di Veneto, Trentino Alto Adige e friuli Venezia Giulia. Sfida che partirà nel gennaio 2013, con l’invio ufficiale della candidatura, per concludersi nel 2015, quando il Consiglio d’Europa decreterà il progetto italiano vincitore.
Molti quindi i fattori che hanno portato alla nascita di Trieste Next, tra i cui promotori figurano il Comune e l’Università di Trieste e Nordesteuropa Editore. L’evento si svolgerà il 28, 29 e 30 settembre, distribuito in numerosi luoghi di Trieste, da piazza Unità d’Italia al Teatro Verdi, dalle biblioteche e sedi universitarie ai musei cittadini . Il programma completo è disponibile sul sito internet www.triestenext.it.

Commenti Facebook
By | 2012-09-05T16:21:33+00:00 05/09/2012|Categories: Scienza&Ricerca|Tags: , , |0 Comments

About the Author: