La webradio
di UniTS

Current track

Title

Artist

Current show

Current show

Background

Trieste Science+Fiction Festival | 18° edizione

Written by on 28 Ottobre 2018

La 18°edizione del seguitissimo Trieste Science+Fiction Festival dedicato al cinema di fantascienza tornerà a “invadere pacificamente” la città dal 30 ottobre al 4 novembre in diverse collocazioni triestine.

La sede principale sarà il Politeama Rossetti, il palazzo della Casa del Cinema fungerà da quartier generale per la manifestazione, le sezioni collaterali del festival verranno ospitate al Teatro Miela mentre i programmi speciali si svolgeranno nella sala d’essai del Cinema Ariston.

Dal 2000 il Festival ha raccolto l’eredità del Festival Internazionale del Film di Fantascienza di Trieste svoltosi dal 1963 al 1982, prima manifestazione dedicata al cinema di genere in Italia e tra le prime in Europa; come sottolineato nella conferenza stampa tenutasi giovedì 25 ottobre il Trieste Science+Fiction diventa maggiorenne, e proprio per la ricchezza di eventi che di anno in anno riesce a proporre al proprio pubblico, è un festival che ha già dimostrato da tempo di essere “adulto”.

La cerimonia d’apertura, che si terrà martedì 30 alle 20 al Politeama Rossetti, ospita un vero uomo delle stelle: l’astronauta italiano Umberto Guidoni che introdurrà l’anteprima del film “First Man – Il primo uomo” diretto dal premio Oscar Damien Chazelle con Ryan Gosling e Claire Foy, un adattamento cinematografico della biografia ufficiale di Neil A. Armstrong scritta da James R. Hansen.

Tra gli altri ospiti di spicco, in veste di Presidente della giuria del Premio AsteroideRichard K. Morgan, scrittore del romanzo ispirazione per la serie Netflix “Altered Carbon”; attesa in città anche per Stoya, icona del cinema porno, scrittrice, attivista per i diritti delle donne e protagonista del film sci-fi serbo “Ederlezi  Rising” di Lazar Bodroza, che verrà presentato in anteprima italiana all’interno della selezione ufficiale del Festival.

Il Festival non è solo cinema ma anche competizione, potremo infatti vedere otto opere in gara per il Premio Asteroide, il riconoscimento internazionale per il miglior film emergente di fantascienza, horror e fantasy nella sezione Neon, il cui trofeo è realizzato ogni anno da un artista emergente diverso.
Il Premio Méliès d’argent, organizzato in collaborazione con la European Fantastic Film Festival Federation, è riservato ai lungometraggi di produzione europea e viene assegnato da una giuria di professionisti del settore cinematografico; diversa modalità di selezione invece per il Premio Méliès d’argent Short Competition dedicato ai cortometraggi che ricevono il maggior numero di voti dal pubblico in sala.
Rai 4 consegnerà il Premio Wonderland Rai4 ad uno dei film della selezione ufficiale, mentre nove testate online presenti al Festival decreteranno la miglior opera prima con il Stars’ War – Premio della Critica Web. Anche gli studenti diventeranno giurati assegnando al miglior cortometraggio italiano nella sezione Spazio Italia | Spazio Corto il Premio CineLab Spazio Corto, in collaborazione con il DAMS, il Corso di studi interateneo Università degli Studi di Trieste e Università degli studi di Udine. Non mancheranno il Premio del pubblico riservato ai lungometraggi presenti in tutte le sezioni, esclusi i classici, e il Premio alla Carriera Urania d’Argento, dedicato annualmente dal TS+FF in collaborazione con la rivista “Urania”, ad una personalità di spicco del mondo fantastico.

Irrinunciabili per il Festival i classici della fantascienza come “2001: Odissea nello spazio” e tanti altri grandi nomi riproposti su grande schermo in versione rimasterizzata, in proiezione vintage in pellicola o sonorizzate dai nuovi talenti della musica italiana; i documentari, che illustrano come ci sia solo un filo sottile a dividere la science fiction dalla realtà, troveranno risalto nella sezione Futurologia che approfondirà il tema dando ulteriormente spazio a conversazioni mattutine che esploreranno il confine tra letteratura, scienza e fantascienza.

Si può quindi notare come il TS+FF non sia solo cinema, ma anche esplorazione con le passeggiate alla scoperta dei luoghi cittadini dove sono stati girati famosissimi film, un’opportunità di  formazione divertente con masterclass di computer grafica, workshop dedicati alla creazione di un personaggio e al marketing/crowdfunding nella produzione audiovisiva, e tanto altro ancora con gli aperitivi tematici e La Notte degli Ultracorpi.

 

Il Poster della 18° edizione del TS+FF firmato da Matteo De Longis

L’attesissimo poster di questa edizione è un disegno originale dall’astro emergente dell’illustrazione italiana Matteo De Longis, che raffigura una ragazza high tech mentre si scatta un selfie sullo sfondo di una metropoli iperglobale, lo stesso autore ha dichiarato «Ceci n’est pas de la SF. Mi sono reso conto che realizzando questo poster nasceva in me una riflessione quasi critica. Stavo disegnando una città che somigliava a degli scenari urbani di Ghost In The Shell o Blade Runner, ma non possiamo mentirci, quello è il presente, non più il futuro (…) Il presente ha raggiunto la fantascienza da tempo ormai, una giovane ragazza si volta verso di noi dicendo: ci siamo già, cosa inventerete di fantastico e imprevedibile adesso?»

Domenica 4 novembre, in chiusura del Festival, si terrà la cerimonia delle Premiazioni cui seguirà la proiezione di “Overlord” un war-horror movie diretto da Julius Avery e prodotto da J.J. Abrams in programma nei cinema italiani dall’8 novembre .

Il Trieste Science+Fiction Festival partecipa al progetto proESOF, è organizzato dal centro ricerche e sperimentazioni cinematografiche e audiovisive La Cappella Underground in collaborazione con diverse realtà tra cui l’Università degli Studi di Trieste.

 

Commenti Facebook