Trieste si prepara per i Pearl Jam

L’evento. A quattro anni di distanza dall’ultimo show da headliner tornano i Pearl Jam, band riferimento della musica mondiale, tornano in Italia, per due attesissimi concerti a Milano e Trieste. Per il capoluogo del Friuli Venezia Giulia l’appuntamento riveste una particolare importanza, oltre a essere l’unica data nel Nordest Italia, essa è anche l’unica in tutta l’Europa dell’Est, un evento che richiamerà in città dal 19 al 22 giugno (data del concerto) oltre 30 mila persone provenienti da tutta Italia e da gran parte d’Europa. L’evento, fra i più importanti dell’estate musicale internazionale, è organizzato da Live Nation Italia e Azalea Promotion, in collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia, il Comune di Trieste e l’Agenzia TurismoFVG e il supporto di Trieste Trasporti, il centro commerciale Montedoro Freetime e Cooperative Operaie. Il concerto è inoltre inserito nella speciale promozione “Music&Live”, (per informazioni www.turismofvg.it, www.musicandlive.it).

L’ultimo album dei Pearl Jam: Lightning Bolt

La band. I Pearl Jam, gruppo grunge e alternative rock nato a Seattle nel 1990, sono una della band di maggiore successo della musica mondiale dagli anni novanta, assieme a band come Nirvana e Soundgarden, e fino ai giorni nostri, con oltre 60 milioni di dischi venduti. Il primo album dal titolo “Ten” esce nel 1991 e rimane in classifica per oltre due anni; “Vs”, il secondo arriva solo un anno dopo; nella prima settimana di pubblicazione vende ben 950.378 copie, grazie anche alle canzoni che lo compongono come la bellissime “Daughter”, “Dissident”, “Go”, “Animal” e “Rearviewmirror”. In questi anni emerge anche un certo spirito anticommerciale della band, che privilegia la musica vera e propria alla promozione, rifiutandosi di produrre video musicali, riducendo le apparizioni televisive e le interviste, stringendo un legame fortissimo con i propri fan. Dopo la consacrazione di Vitalogy del 1994 il gruppo continua la sua cavalcata a livello internazionale a cavallo tra gli anni ’90 e 2000, fino ad arrivare all’ultima fatica dello scorso autunno: “Lightning Bolt”, il decimo per la band di Seattle, anticipato dai singoli “Mind your Manners” e “Sirens”.

Da sempre paragonati alle altre band grunge dei primi anni novanta, lo stile dei Pearl Jam è visibilmente meno heavy e più vicino al rock classico degli anni settanta, un sound che fonde i potenti riff del rock da stadio di quegli anni con la durezza e la rabbia del post punk degli anni ottanta.

 

Commenti Facebook

About the Author:

Simone Firmani
Ho 25 anni, una laurea specialistica in Scienze Politiche e sono giornalista pubblicista. Seguo l'evoluzione dell’informazione multimediale, ho una passione morbosa per il punk rock, un passato da cestista e un futuro ancora tutto da scrivere. Il presente? È qui, su Radioincorso.it.