Triestina, che rimonta! Scatta l'inseguimento all'UFM

Se il buongiorno si vede dal mattino, la prima gara ufficiale del 2013 della Triestina di mister Costantini è senz’altro un piacevole risveglio. Nonostante al 18′ gli alabardati si siano trovati già sotto, a causa di una disattenzione difensiva, che ha favorito l’inserimento e la realizzazione di Giuseppe Sangiovanni, la reazione di Vianello & Co. è stata encomiabile, e, a dispetto dell’ulteriore colpo al morale determinato dal rigore fallito da Franciosi al 30′, i Giuliani hanno impattato e poi scavalcato gli avversari dell’ISM Gradisca, grazie all’ispirata prestazione dell’altro Sangiovanni in campo, Dino, autore di un gol e di un assist.

RITARDO ALL’APPELLO – Se al triplice fischio del signor Kapidani di Pordenone ci è concesso parlare di una Triestina pimpante, altrettanto, però, non si può dire per quanto visto in avvio di gara, quando i rivali del Gradisca sono riusciti a sorprendere una retroguardia triestina in dormiveglia, trovando il vantaggio ed andando a complicare i piani di mister “Roccia”. Ma, probabilmente, la doccia fredda con cui si è aperto il 2013 della Triestina, è stata la sveglia per gli alabardati, che, da quel momento, hanno aumentato i giri del motore e pressato gli avversari. A suonare la carica, è intervenuto Dino Sangiovanni, che, indisposto a sfigurare nel confronto con l’omonimo Giuseppe, si è fatto notare già al 22′ colpendo un incredibile traversa. Il pareggio sfiorato per un soffio ha rinvigorito gli animi degli alabardati, che hanno serrato ancor più le fila e affilato le lance: nel corso del 30′, sugli sviluppi di un’azione nella quale Conchione era già stato poderoso, respingendo un tentativo di Vianello, Franciosi ha fatto ricorso a tutte le sue abilità, per procurarsi un prezioso calcio di rigore. L’ulteriore “mazzata” allo spirito dei bianco-rossi, è stata la successiva conclusione dagli 11 metri dell’attaccante triestino, troppo debole per impensierire un portiere della caratura di Conchione, il quale si è accartocciato facilmente sulla sfera. Due ganci di tale potenza avrebbero messo KO qualunque pugile mediocre, ma la Triestina è stata abile nel saper reagire con forza alle avversità, dimostrando il carattere e la stazza di un boxeur di primo profilo. Dopo la doccia gelida e l’indigesto rigore di Franciosi, a rendere meno amara la prima uscita del nuovo anno ci ha pensato il «croissant» di Dino Sangiovanni, un velenoso tiro-cross, con cui il centrocampista triestino ha riportato il punteggio in equilibrio al minuto 37.

Il man of the match Dino Sangiovanni

Il man of the match Dino Sangiovanni

COLAZIONE DA RE – Dopo il primo boccone, con il quale Dino Sangiovanni aveva portato la sua Triestina all’intervallo sul risultato di 1-1, la ripresa si mostrava come un bivio per la stagione alabardata. E se, come da regola, l’appetito vien mangiando, la Triestina si è presentata all’appuntamento più importante affamata di gol e di punti: trascorsi 7′, infatti, gli alabardati potevano già recriminare per una colossale occasione mancata da Cipracca e per una rete annullata per fuorigioco allo stesso difensore. A rendere giustizia alla supremazia giuliana si è adoperato Venturini, che, dopo 8 giri di lancette, ha finalizzato al meglio l’assist dell’MVP Dino Sangiovanni. La ciliegina sulla torta, e su quella che ci sia augura sia la prima di una lunga serie di abbuffate della Triestina in questo 2013, è giunta al minuto 38, con il gol di Franciosi su assist del subentrato Monti.

A coronamento di una delle più belle performance alabardate esterne di quest’annata, le belle notizie arrivate dagli altri campi, in particolare quello di Monfalcone, sul quale la Gemonese è riuscita nell’impresa di strappare un punto alla capolista UFM. Il distacco tra la lepre e la Triestina, prima inseguitrice, si è ora ridotto a 8 punti, distanza ragguardevole ma non incolmabile, soprattutto se la «fame» sarà quella mostrata oggi. Ce la faranno i nostri eroi? L’ardua sentenza ai posteri.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:15:53+00:00 13/01/2013|Categories: Sport|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author: