Tutti i colori degli Azoto Liquido

Gli Azoto Liquido sono un’ alternative rock band di Trieste formata da Igor Ambrosino (voce e chitarra), Andrea Bazzara (basso, voce e tastiere) e Luca Zazzoron (batteria e percussioni), che con il loro mix tra alternative rock, grunge e punk-rock si presentano con il  loro nuovo singolo Dove non ci sono colori. Abbiamo incontrato Igor Ambrosino, co-fondatore della band insieme al bassista Baz e abbiamo scambiato con loro quattro chiacchiere su musica e dintorni.

Azoto Liquido. Perchè questo nome?
Ancora con la vecchia formazione, quando il nostro batterista era Alex, ricercavamo un nome d’impatto per il nostro stile musicale, a nostro avviso agghiacciante come l’azoto al suo stato liquido. Inoltre ci piaceva l’effetto sonoro del termine.

Parliamo del vostro primo singolo Dove non ci sono colori. Qual è il messaggio che volete comunicare a chi vi ascolta?
Per Dove non ci son colori intendiamo le difficoltà che possono incontrare molti ragazzi e ragazze della nostra età nella fase adolescenziale. Questa canzone parla del tipico ragazzo che attraversa questa fase dove emotivamente è più fragile e non sempre riesce a trovare il colore giusto (Luce).

Dov’è stato girato il video di questo singolo?
Per le scene del playback il videoclip è stato girato vicino all’area di ricerca di Padriciano a Trieste; mentre  la storia è stata girata dentro il comprensorio Melara, il famoso “quadrilatero” triestino. La scelta delle due Location non è stata casuale, poiché nel primo caso le riprese sono state effettuate in uno spazio molto ampio, in cui ci ricordava una prateria sperduta nel nulla; mentre per quanto concerne Melara, la struttura era ottimale per poter esprimere il senso di “claustrofobia” dell’ attrice.

https://www.youtube.com/watch?v=F-GrB8SL-t8

Per quanto riguarda i testi, nasce prima la melodia o il testo solitamente nei vostri brani?
Più volte ci è stata posta questa domanda; scriviamo e componiamo in due (Igor e Baz), mentre Zazza completa l’opera con i suoi grooves di batteria. In entrambi i casi, la nostra musica nasce assieme ai nostri testi, quindi anche se scriviamo in maniera differente, riusciamo ad essere sinergici nel concetto.

Dove non ci son colori è in italiano, ma vi siete mai cimentati  in inglese per allargare il vostro pubblico?
Nella prima band in cui Io e Baz suonavamo, la musica inedita era in inglese. In seguito, Igor ha dato il via alla composizione originale in lingua italiana e da lì in poi ci siamo accorti che riuscivamo ad esprimerci meglio nella nostra lingua.

Concerti in vista? Dove vi si può venire a vedere prossimamente di persona?
Ci stiamo mobilitando per fissare nuovi show a Trieste e dintorni, sia in versione elettrica che acustica. A breve comunicheremo sulla nostra pagina Facebook i nostri eventi.

Commenti Facebook
By | 2014-12-18T12:47:28+00:00 19/12/2014|Categories: Magazine|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Valeria Pisetta
Sono laureata in Ingegneria Clinica a Trieste, dove sono entrata in contatto con la radio universitaria che da subito mi ha appassionata insegnandomi a sfruttare in modo positivo il mio parlare "a macchinetta". Suono da quando sono piccola e ho la grande passione della musica in tutte le sue sfaccettature, quindi quale posto migliore dove mettermi alla prova se non Radioincorso.it?!?