Udinese, è solo 0-0

Tanta buona volontà, poca concretezza. Il posticipo che ha visto impegnata l’Udinese questa sera è riassumibile in queste parole. Con la squadra incerottata e con tante assenze, fra le quali spiccano i nomi di big come capitan Di Natale e Isla, oltre a Badu e Pinzi, Guidolin porta a casa un pareggio che tiene i friulani ancora in corsa per il terzo posto, data la contemporanea sconfitta della Lazio a Palermo. Le due concorrenti infatti non sembrano attraversare il loro miglior momento della stagione. I bianconeri nelle ultime tre uscite casalinghe hanno raccolto un solo punto, quando fino ad un mese fa il Friuli era una vera e propria fortezza inespugnabile. Il rivale odierno, un Cagliari ordinato e niente più, che si è limitato solo ad arginare le iniziative dei padroni di casa, ha fatto sì che non si tornasse alla vittoria. Si è sentita e molto la mancanza di Di Natale ovviamente, talismano e bomber della squadra. Dopo un paio di occasioni seriamente pericolose, create ma non finalizzate nel primo tempo da Armero prima e Fernandes poi, l’Udinese è cresciuta nella ripresa aumentando l’intensità della sua spinta offensiva, sfiorando il gol al ’17 con colpo di testa di Benatia su corner, salvato sulla linea da Agostini, con tanto di proteste per un tocco di mano che sarebbe valso il rigore. Le immagini però svelano l’infondatezza delle proteste bianconere. L’altra notizia degna di nota è il ritorno in campo di Barreto, che entra al ’23, dopo aver smaltito l’ennesimo problema muscolare. Il forcing finale degli ospiti non comporta grossi pericoli, facendo sì che il fischio finale di Celi tenga in corsa i friulani per la lotta al terzo posto. Sul piano della qualità però, urgono miglioramenti già dalla prossima trasferta di giovedì in terra greca, dove contro il Paok l’Udinese dovrà portare a casa almeno un pareggio con gol per procedere nel suo cammino europeo.

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:39:10+00:00 20/02/2012|Categories: Sport|Tags: , , |0 Comments

About the Author: