Udinese sprecona! Orgoglio Siena.

FIDUCIA UDINESE – Come nelle più classiche sfide salvezza la posta in palio è stata spartita.
Una gara che sembrava in discesa fin dai primi minuti, grazie ai gol di Basta e Di Natale, ha fruttato un solo punto, confermando la legge non scritta per cui nel calcio tutto può succedere fino al triplice fischio.
Onore al Siena, capace di sfruttare la superiorità numerica e credere in una rimonta che pareva impossibile.
Eccoci qui, dunque, a commentare un 2-2 maturato da alcune decisioni arbitrali discutibili, da una condizione fisica non ancora al top e dalla scottante eliminazione dalla CL.
Tutte giustificazioni più che valide, sia chiaro, ma la realtà è da accettare: l’Udinese che ha fatto sognare i propri sostenitori in questi due anni sembra essersi smarrita. Ritrovare la via non sarà facile, ma la fiducia nel “comandante di vascello” Francesco Guidolin è totale.
Per i bianco neri si preannuncia una salita ripida che, oggi, segna il Km -39, un traguardo che sarà bene raggiungere il prima possibile, in modo da rilanciare le ambizioni per qualcosa di più, che la piazza di Udine merita.
Le perplessità e i dubbi sul mercato stanno ancora tenendo banco tra i tifosi, ma in questo momento, calcisticamente poco felice, tutto dovrebbe passare in secondo piano. I sostenitori dovrebbero stringersi attorno a quella maglia che tanto amano e per la quale si recano allo stadio tutte le domeniche, a quella maglia che li ha fatti gioire nella massima serie per diciotto stagioni consecutive, dal 1995/1996 a oggi.
Dire che l’Udinese è sinonimo di garanzia assoluta probabilmente è troppo, ma che sia meritevole di fiducia da parte dei suoi tifosi obbligatorio.
L’Udinese vista oggi non ha certamente entusiasmato ma la speranza di una pronta guarigione è nel cuore di tutti coloro che sono legati ai colori friulani.

IL MATCH IN SINTESI – Udinese in cerca di riscatto che si schiera con un 3-4-1-2 con il ritrovato Barreto in tandem con Di Natale.
In casa senese nessun dubbio sulla formazione, Calaiò e D’Agostino guidano la formazione di Cosmi.
Chi ben comincia è a metà dell’opera? È quello che si auguravano i supporters bianco-neri dopo l’inizio arrembante della propria squadra, che passa in vantaggio con Dusan Basta, abile a sfruttare una respinta corta della difesa di casa ed insaccare in rete un “missile” dal limite dell’area: 0-1.
Passano due minuti e l’Udinese replica: discesa sulla destra della “Furia Bionda” Basta, cross per la testa di Di Natale che, indisturbato, batte Pegolo per lo 0-2.
Reazione non pervenuta da parte della banda di Serse Cosmi che va a riposo sotto di due reti.
Nella ripresa al 53′ la svolta: Lazzari sgambetta Calaiò, secondo giallo e Udinese in 10.
Il Siena sfrutta la superiorità numerica: prima accorcia le distanze con Calaiò, lasciato libero di castigare Padelli a centro area, poi raggiunge il risultato di parità grazie ad un rigore realizzato da Ze Eduardo, conseguenza di un fallo ingenuo di Domizzi.
Nel finale, occasioni per entrambe le squadre ma il risultato non cambia.
Prossima sfida al Friuli con il Milan; obiettivo: cercare risposte convincenti e regalare le prime vere gioie, targate 2012/2013, al popolo friulano.

SIENA: Pegolo, Neto, Paci, Del Grosso, Angelo, Vergassola, D’Agostino (32′ Ze Eduardo), Rubin (14’st Sestu), Rodriguez, Rosina (46’st Paolucci), Calaiò.

UDINESE: Padelli, Benatia, Danilo, Domizzi, Basta, Allan, Pinzi, Lazzari, Pasquale, Barreto (17’st Fabbrini), Di Natale (46’st Ranegie).

Marcatori: 25’st Calaiò, 32’st Ze Eduardo (rig) – 3′ Basta, 6′ Di Natale
Ammoniti: Lazzari(U), Neto (S), Ze Eduardo (S), Domizzi (U), Danilo (U)
Espulsi: Guidolin(U), Lazzari (U)
Arbitro: De Marco di Chiavari
Assistenti di Linea: Schenone e Di Liberatore

Davide Cavalca (foto: www.udinese.it)

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:16:20+00:00 16/09/2012|Categories: Sport|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.