Unione-Tamai 1-1: a Trieste regna l’equilibrio

Due delle lamentele mosse all’Unione di quest’anno sono la mancanza di gioco e le troppe disattenzioni difensive, che hanno minato pesantemente la classifica alabardata. Anche oggi, durante lo svolgersi del derby regionale contro il Tamai, la Triestina ha pagato a caro prezzo l’unico errore della propria retroguardia, costretta ad incassare la rete dell’ennesimo pareggio stagionale. Questa volta il gioco non è mancato e l’intraprendenza dimostrata dagli uomini di mister Ferazzoli è stata riconosciuta da tutto il pubblico del Nereo Rocco, pronto come al solito ad incoraggiare i propri beniamini.

Il fattore campo condiziona subito il match. Lo stadio sembra una bolgia e la Triestina appare motivata e propositiva, determinata a strappare tre punti ad una rivale blasonata. Il primo ad impensierire Peresson è il solito Proia, che spedisce di poco a lato un assist di Daniele Rocco. Al 12′ Celli cerca la gloria personale con un tiro deviato in corner dalla difesa ospite. Sugli sviluppi del calcio d’angolo, Proia raccoglie un passaggio invitante del solito Celli e appoggia in rete la palla dell’1-0. Il Tamai prende coraggio, mentre la Triestina fatica a ripartire in contropiede. Il brivido più grande della prima frazione per il pubblico del Rocco arriva da un tiro-cross di Zambon, che per poco non inquadra la porta difesa dal portierino triestino. Nella ripresa il Tamai guadagna metri con la velocità di Furlan che, abile a sfruttare un’indecisione di Antonelli, conquista un calcio di rigore. Lo stesso attaccante realizza la rete del pareggio spiazzando il giovane Zucca. La Triestina, ferita nell’orgoglio, rialza la testa. Il nuovo arrivato Rocco prova subito ad entrare nel cuore dei tifosi, ma l’arbitro De Palma della sezione di Milano decide che non ci sono gli estremi per il penalty in favore degli alabardati. Dopo tre minuti di recupero, la Triestina deve rimandare ancora una volta l’appuntamento con la prima vittoria stagionale.

La prossima gara andrà in scena domenica prossima allo stadio Mori, contro il Santo Stefano, che occupa la parte bassa della classifica. Una sfida da dentro o fuori.

Davide Cavalca e Simone Zompicchiatti

Commenti Facebook
By | 2014-12-07T21:13:22+00:00 07/12/2014|Categories: Magazine, Sport|Tags: , , , , , |0 Comments

About the Author:

Studente di Scienze della comunicazione, 24 anni, preparatore dei portieri del San Vito al Torre e istruttore di scuola calcio CONI FIGC. Ho un passato da articolista e editorialista per TuttoUdinese.it. Ritengo che lo sport sia fatto di passioni e emozioni che vale sempre la pena raccontare.